Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Agosto 2022

Pubblicato il

NATO coi paraocchi

Ucraina, così la “strategia” dell’Occidente rende la pace un miraggio

di Mirko Ciminiello
L’Ue, da BoJo al blocco di Kaliningrad allo status di candidato concesso a Kiev, pare voler solo provocare la Russia: che risponde rafforzando l’alleanza con Cina e Africa
Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina

Qual è esattamente la strategia dell’Occidente per arrivare alla pace in Ucraina? Viene da chiederselo anche alla luce degli ultimi avvenimenti, che sembrano volti a inasprire, più che a stemperare le tensioni con la Russia. Spingendo, forse, il Presidente Vladimir Putin verso un pericoloso esaurimento nervoso, e sicuramente a tentare di ridisegnare l’intero quadro geopolitico internazionale vigente.

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina

Qual è la strategia dell’Occidente riguardo alla guerra in Ucraina?

«Putin deve fallire» riguardo alla guerra in Ucraina. Questa è una delle diplomatiche dichiarazioni rilasciate, nel corso di un’intervista al Corsera, dal Premier britannico Boris Johnson. In linea, peraltro, con il blocco imposto, come ricorda l’Adnkronos, all’enclave russa di Kaliningrad da parte della Lituania. E, in misura minore, con lo status di candidato all’ingresso nella Ue accordato, come riporta RaiNews, a Kiev (e anche alla Moldavia) dal Consiglio Europeo.

Boris Johnson
Boris Johnson

Quest’ultima presa di posizione, scrive l’ANSA, è stata liquidata dal Cremlino come «un affare interno dell’Europa». Le altre suonano invece come delle provocazioni di cui non si sentiva minimamente la necessità (e non è certo la prima volta).

Il Consiglio Europeo che ha concesso lo status di candidati Ue a Ucraina e Moldavia
Il Consiglio Europeo che ha concesso lo status di candidati Ue a Ucraina e Moldavia

L’aspetto paradossale è che i leader comunitari sono realmente convinti che queste manovre possano ripristinare le «condizioni di pace» (vedasi alla voce Sergio Mattarella). Dimostrando così una volta di più, semmai ce ne fosse stato bisogno, la loro atavica, innata brevimiranza.

La Russia non resta a guardare

Lo Zar non è tipo da incassare senza reagire, e infatti ha reagito – secondo due direttrici. La prima delle quali, riferisce la Reuters, lo ha portato a incontrare il Presidente del Senegal Macky Sall. Il quale è anche Presidente di turno dell’Unione Africana, dunque il più alto rappresentante del Continente che, come raccontavamo, soffre maggiormente la crisi del grano.

Vertice tra Vladimir Putin e Macky Sall
Il vertice tra Vladimir Putin e Macky Sall

Putin attribuisce questa emergenza alle sanzioni euro-americane e, come ha twittato il numero uno di Dakar, si è detto disponibile «a facilitare l’esportazione dei cereali ucraini». E poco importa, in questo caso, se sia verità o propaganda: a livello di realpolitik, conta di più che il leader senegalese creda all’omologo russo.

L’altra strada porta – e non a caso – verso la Cina che, come rileva QuiFinanza, da un lato acquista il petrolio e il gas di Mosca. E dall’altro collabora col Cremlino e con gli altri “BRICS” (Brasile, India e Sudafrica) per creare una nuova moneta finalizzata a rovesciare l’egemonia del dollaro.

Asse tra Vladimir Putin e Xi Jinping
Asse tra Vladimir Putin e Xi Jinping

D’altronde, non ci voleva molto a immaginare che la Russia non sarebbe rimasta a guardare. Bastava non essere… NATO coi paraocchi.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo