23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Trivago, Roma la meta italiana più ambita dai turisti last minute

di Redazione
L'osservatorio ha stilato la classifica delle mete più ricercate da quei viaggiatori che sceglieranno il lungo weekend per partenze last minute

E' Roma la meta italiana più ambita dai viaggiatori last minute per il ponte dell'Epifania secondo Trivago. L'osservatorio ha stilato la classifica delle mete più ricercate da quei viaggiatori che vorranno approfittare del lungo weekend per partenze dell'ultimo minuto: città d'arte e di montagna si confermano nuovamente la passione degli italiani per i mesi invernali, con alcune mete a disponibilità ridotta. All'estero, invece, ancora una volta le preferite sono Parigi, Londra e Amsterdam. Secondo Trivago chi ha deciso di approfittare dell'Epifania per chiudere il periodo delle feste ha puntato sui grandi classici della nostra Penisola: Roma, Firenze e Napoli occupano infatti le prime tre posizioni. Nella Capitale si registra solo l'8% di hotel con almeno una camera doppia disponibile online per il 6 gennaio. La classifica prosegue con quattro città del Nord: Venezia, Milano, Torino e Verona.

Partire all'ultimo momento per godersi un weekend di totale relax dopo i bagordi del Natale pare essere un'idea apprezzata da molti italiani. Chiudono la classifica Bologna e Livigno. La famosa località montana si avvia verso il tutto esaurito, con una disponibilitaà online del solo 6% per il giorno dell'Epifania. Parigi è la prima tra le mete estere preferite dagli Italiani per questo inizio 2017. Seguono Londra e Amsterdam, che si sta conquistando le simpatie degli utenti italiani nonostante le rigide temperature invernali. Più vicina ma altrettanto fredda è Vienna, che si trova in quarta posizione. Seguono Barcellona, Praga, Berlino e Budapest, mentre chiudono la classifica delle partenze last-minute le vicine Monaco e Innsbruck. (Com/Uct/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo