Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Dicembre 2021

Pubblicato il

Tra 8 giorni si saprà il destino dell’Antico Caffè Greco di Roma

di Redazione
Se l'Ospedale Israelitico, proprietario dell'immobile, non riceverà un'offerta superiore ai 18mila euro al mese d'affitto i gestori dovranno lasciare il Caffè

Tra otto giorni si conoscerà il destino del Caffè Greco. Il 28 marzo, infatti, i proprietari dell'ultimo caffè storico rimasto nel centro di Roma, l'Ospedale Israelitico, e i gestori della struttura, l'ingegnere Carlo Pellegrini della società Antico Caffè Greco Srl, si vedranno davanti l'organo di mediazione per trovare un accordo. Se l'Ospedale Israelitico non riceverà un'offerta a prezzo di mercato, dunque superiore agli attuali 18 mila euro al mese di affitto – offerta che ad oggi non sarebbe pervenuta – i gestori dovranno lasciare il Caffè, come imposto dal Tribunale di Roma lo scorso 6 novembre.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A quel punto, però, diventerebbe difficile capire quale futuro avrà il Caffè Greco, frequentato nei suoi 250 anni di storia da Wolfgang Goethe, Nikolaj Gogol, Gabriele D'Annunzio, Orson Welles, Alberto Moravia, Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini, Ennio Flaiano, per dirne alcuni. In questo scenario è bene aggiungere altri due aspetti: il primo riguarda i duplici vincoli del Mibact a cui è sottoposto il Caffè, sia come esercizio storico, sia sugli arredi e sulle opere d'arte alle pareti, circa 300 pezzi d'arte.

Questo escluderebbe la possibilità che il Caffè Greco si trasformi in un McDonald's, per capirci, ma non lo metterebbe al riparo da una "rigenerazione" in chiave moderna dei nuovi gestori, che potrebbero essere le grandi multinazionali del lusso che lo affiancano. Il secondo aspetto riguarda la tradizione, la sua funzione di caffè storico all'interno della città. Su questo aspetto il Comune di Roma al momento non è pervenuto.

In questi giorni l'atmosfera che si respira al Caffè Greco è la solita: i turisti scattano foto ai dipinti e agli oggetti storici, sedendosi nei tavolini per la colazione, i camerieri lavorano senza sosta, mentre al banco della pasticceria sono in vendita i tradizionali dolci di Pasqua. Il personale preferisce non sbilanciarsi sul futuro del Caffè Greco: "Nessuno ci dice niente, siamo in attesa di notizie".

Dalla parte della proprietà dell'immobile, invece, la posizione è chiara: adeguare il contratto d'affitto per reinvestire i soldi nella sanità. Il ragionamento che viene fatto all'interno dell'Ospedale Israelitico è infatti quello di offrire una sanità privata a prezzi agevolati, da ticket regionale, ma per farlo sono necessari gli introiti del Caffè Greco. La partita che si gioca è culturale e sociale. (Ag. Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo