24 Ottobre 2021

Pubblicato il

Terremoto, Roma: Lunedì scuole chiuse, compresi asili e materne

di Redazione
La sindaca di Roma decide di chiudere le scuole per un controllo. Ma chi controllerà? E quanto ci vorrà per controllarle tutte?

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, decide di chiudere le scuole per un controllo. Ma chi controllerà? E quanto ci vorrà per controllarle tutte? L'ente Provincia di Roma, ora diventato Roma Città Metropolitana, ha tecnici a sufficienza per controllare tutti gli edifici scolastici di Roma?

Questo il comunicato pubblicato sul suo profilo Facebook:

"Si è concluso in questi minuti un vertice in Campidoglio, presenti il SIMU, la Polizia Locale, abbiamo sentito la Protezione Civile. Ovviamente gli effetti della forte scossa di terremoto che si è verificata domenica mattina, a Roma non hanno prodotto danni gravi.

Tuttavia sono arrivate numerose segnalazioni, la Polizia locale, i vigili del fuoco la commissione stabili pericolanti sono andate ovunque a verificare e mettere in sicurezza o transennare eventuali zone critiche.

Nel frattempo la tangenziale è stata prima chiusa poi è stata riaperta, salvo un ultimo tratto che va dal Verano a San Giovanni, in direzione San Giovanni, per ulteriori verifiche. La metro questa mattina è stata chiusa. La linea A e linea B ora sono state completamente riaperte.

Allo stesso tempo questa amministrazione in via meramente cautelativa intende chiudere le scuole domani, in modo tale che i tecnici e i responsabili della sicurezza possano andare ad effettuare tutte le verifiche, per vedere e valutare, se il terremoto ha comportato lesioni o comunque danni gravi.

Quindi le giornate di Lunedì e martedì saranno utilizzate proprio per effettuare queste ispezioni. La situazione è comunque sotto controllo, monitorata. Allo stesso tempo voglio mandare un segnale di solidarietà alle popolazioni che in queste ultime ore hanno visto e hanno subito gli effetti di questo fortissimo sisma. Popolazioni che in gran parte erano già state colpite dai due precedenti. Siamo molto vicini".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo