21 Settembre 2021

Pubblicato il

SS Lazio, Pioli in conferenza prima del Palermo

di Redazione
L'analisi del tecnico biancoceleste, che ha presentato la sfida contro il Palermo. Ha parlato anche di Keita e Lulic

Dal commento degli scontri di piazza di Spagna, al ritorno di Lulic. In conferenza stampa Pioli ha trattato svariati temi, ma il focus è su Lazio-Palermo. Un'analisi lucida in merito alla gara di domani (Stadio Olimpico, ore 15:00), fondamentale per la volata Champions League. Il Napoli è a più cinque, più vicino rispetto a due settimane fa. A fermare i partenopei proprio il Palermo di Iachini, che ama 'ammazzare' le grandi di Serie A. Lo sa Pioli, che intimato ai suoi la massima attenzione. Come ha ribadito in conferenza, di seguito le dichiarazioni del tecnico della Lazio.

(fonte virgolettati: lalaziosiamonoi.it)
Come giudica quello che è successo a Roma negli ultimi giorni?

Male come tutti, sono rimasto sorpreso dal fatto che possano accadere certe cose. Le istituzioni dovrebbero farsi trovare pronte. Non possiamo vedere cose del genere in certe città. Non va bene, qualcuno dovrà intervenire.

La situazione Parma? E' un campionato regolare?

Come prima sono basito. Una società di serie A non sia in grado di scendere in campo. Non bisogna arrivare a queste situazioni, c'è chi deve controllare, che deve sapere se si possono far fronte a queste vicende economiche. Nel nostro calcio professionistico non ha senso. Il Parma sino a oggi ha fatto il massimo che poteva, è sceso in campo con dignità. Mi auguro che le permettano di farlo ancora.

Tare ha parlato in ottica futura. Ci sono le colonne per il salto di qualità?

Devono essere diverse le componenti per poter competere. Le strutture e le programmazioni sono importanti, così come la mentalità, i giocatori di qualità e l'ambiente. Credo che la Lazio si stia attrezzando per raggiungere questo livello. Non è una cosa immediata, ma la società sta già lavorando per il futuro. Ci sono tante situazioni positive qui che possiamo mettere insieme. Anche l'ambiente 

Le gerarchie sono momentanee. Mauricio ha scavalcato Cana?

Si può dire che ha caratteristiche importante, si sta dimostrando un difensore solido, si sta integrando bene. A Udine tutto il reparto ha giocato bene anche grazie al centrocampo e all'attacco. Abbiamo lavorato per questo anche in settimana.

Cosa cambia con Onazi o Cataldi?

La fase difensiva inizia da davanti e viceversa. Sono due centrocampisti abbastanza completi, che danno aggressività e inserimenti. Cataldi ci può dare più precisione, Onazi è migliore dal punto di vista atletico.

L'atteggiamento lo stesso di Udine?

Vuoi la tua pubblicità qui?

E' sempre la cosa più importante, dobbiamo mettere in campo il nostro spirito e le nostre qualità. L'atteggiamento visto a Udine ci ha dato situazioni vantaggiose, ma dobbiamo migliorare. Le prossime giornate decideranno il nostro futuro. Ci sono ancora tante partite in campionato, tre in Coppa Italia. Adesso bisogna spingere e accelerare.

Ha detto tre partite di Coppa Italia…

Nella mia testa ce ne sono da disputare tre, vogliamo arrivare fino in fondo. Nella mia testa la stagione finisce il 7 giugno. 

Il Palermo squadra rivelazione?

E' un campionato molto simile agli altri, le posizioni in classifica cambiano velocemente. Il Palermo sta bene in campo, ha giocatori di qualità davanti, il fatto che sia una neo-promossa vuol dire che è una rivelazione importante. Prendiamo in esame i pregi e i difetti degli avversari per fare la migliore prestazione possibile.

Giusto pensare anche al terzo posto?

Deve avere l'ambizione di fare più punti possibili. Ci sono tante partite, dobbiamo provare a vincere, Udine deve essere un nuovo inizio. Dobbiamo cercare sempre i tre punti, alla fine tireremo le somme.

Quanto è cambiato il Palermo? Che partita si aspetta?

Sì, ha provato a giocare a due punte. Dopo la partita dell'andata si sono schierati con una punta e con uno a sostegno. Ci siamo preparati per proporre, fare la partita, essere aggressivi e recuperare pallono. Dobbiamo vincere i contrasti, avere un atteggiamento vincente.

Ha visto una Lazio diversa rispetto a una settimana fa?

E' stata una settimana facile per me, i giocatori hanno messo in mostra degli allenamenti importanti. Mi aspetto una grande prestazione, non dico la partita perfetta ma siamo nelle condizioni per giocare al massimo. Dobbiamo giocare il miglior calcio possibile ed essere sempre attenti. Non bisogna mollare un attimo per tutti e 95 i minuti. 

Cosa pensa del Palermo?

Che è una squadra di alto livello. Non ci dimentichiamo che ha messo sotto il Napoli, la squadra più in forma. Abbiamo rispetto e consapevolezza nei nostri mezzi. Serve continuità.

A che punto è il processo di crescita di Keita?

Sta lavorando benissimo, non bene. Si farà trovare pronto. L'ho apprezzato a Udine, non ha fatto una partita eccelsa dal punto di vista tecnico, ma è entrato con l'atteggiamento giusto. Sono sicuro che sarà un giocatore importante per il finale di campionato, cioè quello più importante. Sono convinto che può fare bene sull'esterno ma anche al centro come attaccante. 

Basta come sta?

Putropppo ieri sera ha avuto ancora la febbre, quindi non sarà a disposizione.

Quanto è importante Lulic? 

E' un grande giocatore, con caratteristiche moderne, sa fare entrambe le fasi. Lunedì tornerà con noi, avrà bisogno di ancora un po' di tempo. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo