Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2022

Pubblicato il

Ruth Dureghello sulla vignetta di Vauro: “Vergognoso raffigurare gli ebrei con il naso adunco”

di Lorenzo Villanetti
La replica di Vauro: "Zelensky ha un naso importante non perché è ebreo ma perché è il suo naso. È una caricatura"
La vignetta di Vauro con Zelensky e Putin
La vignetta di Vauro (dal suo profilo Twitter)

Attraverso il proprio profilo Twitter, la Presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, ha commentato la vignetta di Vauro, in cui sono raffigurati il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, e quello russo, Vladimir Putin.

La vignetta di Vauro con Zelensky e Putin
La vignetta di Vauro (dal suo profilo Twitter)

Nella caricatura, il primo, raffigurato da Vauro con il “naso adunco“, ha irritato Dureghello, la quale ha scritto: “Non è una casualità, ma un’abitudine quella di un certo signore di raffigurare gli ebrei con il naso adunco con lo stile della Difesa della Razza. Non per questo è meno grave e non per questo ci si può assuefare alla vergogna”.

Dureghello attacca: “Grave raffigurare gli ebrei con il naso adunco”

Come riportato da SkyTg24, il disegnatore ha replicato alle accuse di antisemitismo mosse nei suoi confronti, dichiarando: “In questo disegno non c’è alcun riferimento alla ebraicità di Zelensky , cosa per me del tutto priva di rilevanza. Se disegno una caricatura (si chiama così perché ‘carica’ i tratti somatici) è ovvio che perché il soggetto risulti somigliante ne ‘carico’ i tratti”.

La replica di Vauro

Zelensky ha un naso importante non perché è ebreo – ha proseguito Vauro – ma perché è il suo naso. Io non ho mai pensato che gli ebrei abbiano necessariamente il naso adunco, anche perché ne conosco moltissimi che hanno nasi di vario tipo. A tutti quei cretini che commentano sul naso di Zelensky non avrei voluto nemmeno rispondere. Lo faccio solo perché se non è pura imbecillità è malafede“.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo