15 Maggio 2021

Pubblicato il

Rumors dalla Nord: forse i russi salveranno la Lazio da Lotito

di Redazione

Intanto i tifosi continuano il boicottaggio

Il campionato è finito da meno di una settimana e, non potendo più svolgere lo sciopero del tifo all’Olimpico, i tifosi laziali continuano la loro protesta sul fronte economico, non acquistando materiale ufficiale della SS. Lazio, non sottoscrivendo abbonamenti per la prossima stagione calcistica, allo stadio e delle pay-tv, azzerando le presenze al ritiro estivo della squadra, che come ogni anno si svolgerà ad Auronzo di Cadore.

In questo clima di tensione che dura ormai da tempo, negli ultimi giorni, si sono susseguiti vari “rumors” sulla presenza di un gruppo di investitori russi (diverso da quello di cui si parlava a metà aprile, ma la cui esistenza è stata più volte smentita dal dott. Claudio Lotito) che sarebbe interessato all’acquisto di una squadra di calcio italiana, militante nella massima serie. Sembrerebbe, inoltre, che la società russa in questione, operante nel campo del gas, abbia provato a sondare il terreno anche in casa Lazio, ma che Lotito, il quale non ha alcuna intenzione di vendere la S.S.Lazio 1900, usi richiedere cifre spaventose a chiunque possa essere interessato alla Squadra Capitolina, con il preciso scopo di far desistere ogni potenziale investitore.

Si è visto come nella situazione attuale bastino semplici “voci”, non importa se siano fondate o meno, per far sognare ai tifosi della Lazio l’avvicinamento di una tanto agognata liberazione dal personaggio che da ormai dieci anni detiene il pacchetto azionario di maggioranza della Lazio…

Quello che però, allo stato dei fatti, va necessariamente considerato, è che ormai sembrerebbe piuttosto chiaro che il suddetto Lotito non abbia alcuna intenzione di vendere la Lazio, come ha lui stesso ribadito più e più volte, quantomeno a cifre ragionevoli, e che potrebbe fare il grande passo solamente se tentato da offerte da capogiro. Al popolo biancoceleste non resta che continuare senza sosta il boicottaggio, e sperare che la diminuzione degli introiti possa smuovere qualcosa a livello societario.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento