21 Giugno 2021

Pubblicato il

Romani stroncano raccolta rifiuti, Municipi più critici VI, II e XIV

di Redazione

Non poteva essere altrimenti, e le aree che hanno ricevuto i voti più bassi dai romani si trovano ad Est e a Nord della città

Le aree più problematiche rispetto all'igiene urbana e alla raccolta rifiuti, i due settori bocciati dai romani con i voti più bassi, si trovano ad Est e a Nord della città: la valutazione più negativa è quella espressa dai residenti del Municipio VI, proprio nella periferia Est, nonostante a giugno sia stato avviato il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta.

E' quanto rileva l'Indagine sulla qualità della vita e dei servizi pubblici locali 2018 dell'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, presentata oggi nella sala della Piccola Protomoteca del Campidoglio.

Riguardo alla pulizia stradale, il servizio è ritenuto particolarmente inefficiente nel Municipio VI dall'82% dei residenti, nel Municipio II (Flaminio, Parioli, San Lorenzo, Nomentano) dall'80% e nel Municipio IX (Eur, Laurentino) dal 79%.

Solo l'8% dei romani non rileva alcuna criticità e solo nei Municipi III e VIII i soddisfatti superano l'11%.
Per la raccolta rifiuti, i Municipi più scontenti del servizio sono il VI, con il 77% di cittadini insoddisfatti, e il XIV (Trionfale, Primavalle) con il 76%, mentre il X è il meno critico, sia sotto questo aspetto, sia rispetto alla situazione generale. In questo territorio, infatti, gli utenti che non rilevano alcun problema sono il 18%, contro una media cittadina del 10%.

Vale la pena notare, infine, che il rischio igienico sanitario preoccupa solo il 5,7% dei romani per la pulizia e solo il 4,4% per la raccolta dei rifiuti, anche se nel Municipio XV (Giustiniana, Labaro, La Storta) tali percentuali salgono rispettivamente all'8,4% e al 7,0%.
(Mgn/ Dire)  (Foto, Protesta rifiuti in Campidoglio)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento