18 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, Unione Inquilini Ostia: nulla di nuovo alle case Armellini

di Redazione

"Prevediamo per fine settembre un tavolo tecnico presso il X Municipio con le parti sociali e l'assessore Castiglione"

"L'iter della vendita delle case Armellini, seppur a rilento, sta seguendo il suo corso. Monitoreremo la situazione, ma vogliamo rassicurare le 1042 famiglie affinché non si creino inutili allarmismi su questa delicata situazione". Questa la dichiarazione resa da Marco Palumbo, Presidente della Commissione Trasparenza del Comune di Roma, a Unione Inquilini a seguito dell'incontro del 9 agosto che riportava al centro della discussione la questione delle case Armellini di Ostia.

Lo si legge in una nota della stessa Unione Inquilini. A conferma la responsabile Unione Inquilini di Ostia Emanuela Isopo: "Come preannunciato nulla di nuovo è emerso e il prossimo appuntamento dovrebbe essere confermato per fine settembre. Prevediamo quindi un tavolo tecnico presso il X Municipio con le parti sociali e l'assessore Castiglione che si rende necessario per fare il punto della situazione. Urgente considerando anche le scadenze del rinvio dello sfratto coatto, fissato a febbraio 2020, dopo il rinvio di 12 mesi come previsto dal decreto sicurezza".

Emanuela Isopo ci tiene a sottolineare: "All'inizio di questa brutta avventura i dati forniti dal dipartimento erano di 1042 alloggi di cui circa 390 occupati abusivamente. Al momento gli uffici comunali stanno notificando alle famiglie occupanti la loro posizione, ma sappiamo che tra le 25 occupazioni da sgomberare entro il 2020, come richiesto dal Prefetto, non compaiono i plessi di Ostia. Continueremo a lavorare affinché Comune di Roma e Regione Lazio, ognuno nelle specifiche funzioni, possano garantire I diritti. Soprattutto per quanto riguarda la fase di acquisto degli immobili e le perizie sulle manutenzioni." (Zap/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento