06 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, svolta nelle indagini sull’uccisione del Carabiniere: turista Usa confessa

di Redazione

Ieri mattina sono stati fermati due cittadini statunitensi. Sono accusati di omicidio, furto e tentata estorsione

Svolta nelle indagini sulla morte del vice brigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso nella notte tra giovedì e venerdì nel quartiere Prati con otto coltellate, di cui una al cuore. Ieri, in serata, un turista statunitense di venti anni ha confessato l'omicidio del Carabiniere.

 

Carabiniere ucciso, svolta nelle indagini: confessa un turista Usa

Il reo confesso era stato fermato nella tarda mattinata insieme ad un connazionale in un hotel. Per i due le accuse sono omicio, furto e tentata estorsione. I turisti statunitensi, come ricostruito attraverso la visione dei filmati di alcune camere di videosorveglanza, hanno derubato uno zaino ad un 45enne per poi proporgli la restituzione in cambio di cento euro.

 

Turista Usa confessa l'omicidio del Carabiniere ucciso a Roma

L'uomo ha denunciato l'accaduto ai Carabinieri e all'appuntamento si sono presentati Cerciello e un collega, entrambi in abiti civili. Intorno alle 3 di notte i militari hanno chiesto i documenti ai due statunitensi in via Cossa. Ed è in quel momento che uno dei due turisti ha colpito mortalmente il vice brigadiere. 

 

Leggi anche:

La morte del carabiniere colpito da otto coltellate. Si era sposato a giugno

Morte del vice brigadiere. Politica e informazione non conoscono il silenzio

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento