23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma, smaltiva parti auto, rifiuti speciali e acque reflue illegalmente

di Redazione
Presso l'autodemolitore di proprietà del 73enne, venivano svolte attività di raccolta e di stoccaggio di autoveicoli e di rifiuti speciali pericolosi

I Carabinieri della Stazione Roma Viale Eritrea, unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo Ecologico di Roma, hanno denunciato in stato di libertà un 73enne romano con le accuse di attività di gestione di rifiuti e sversamento liquidi reflui non autorizzati e sequestrato un’area di circa 2.700 mq in via del Foro Italico, in esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Roma – Sezione GIP.

I Carabinieri sono intervenuti presso la sede di autodemolizioni di proprietà del 73enne dove hanno riscontrato che, in assenza di autorizzazioni in corso di validità, venivano svolte attività di raccolta e di stoccaggio di autoveicoli e di rifiuti speciali pericolosi.

Inoltre, omettendo contestualmente di adempiere a tutte le prescrizioni inerenti lo sversamento di fluidi ed oli reflui, i liquidi venivano scaricati illecitamente a terra, in spazi adiacenti.

Dopo le operazioni, i Carabinieri hanno posto sotto sequestro l’area e hanno chiuso la ditta.

Già lo scorso 31 ottobre 2018, i Carabinieri della Stazione Roma Eritrea, con l’ausilio dei colleghi del Nucleo Operativo Ecologico di Roma, avevano sequestrato un’altra attività di autodemolizioni della stessa zona, in via Foce dell’Aniene, ubicata su un’area di 2.500 mq, e avevano denunciato con la stessa accusa il titolare, un 64enne della provincia di Reggio Calabria. 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo