14 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma, si finge sacerdote e chiede soldi per amico bisognoso: arrestato

di Redazione

Il falso prete si è presentato da un sacerdote vero per chiedere circa 700 euro per aiutare un suo conoscente; ma il religioso ha voluto vederci chiaro

Un truffatore di 43 anni, di origini siciliane ma residente nella provincia di Cuneo è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma piazza Dante, grazie alla segnalazione di un sacerdote romano che per l’occasione ha vestito i panni del “Don Matteo” della seguitissima fiction televisiva. Il sacerdote, nei giorni scorsi, aveva ricevuto la telefonata di una persona che si è presentata come tale Don Gabriele, sacerdote di Milano.

Il fantomatico prete, per venire incontro alle esigenze di un suo caro amico bisognoso, ha chiesto al “collega” di anticipare per suo conto circa 700 euro che sarebbero serviti al conoscente quale caparra da versare cash per avviare il contratto di locazione di un appartamento di via Tasso. Il sacerdote ha dato la sua disponibilità ma ci ha voluto vedere chiaro.

E cosi’ si è portato presso l’indirizzo indicato dell’appartamento in questione, scoprendo che al civico indicato dal truffatore è ubicata la caserma dei Carabinieri della Compagnia Roma piazza Dante. A quel punto il sacerdote vero ha avuto conferma dei suoi dubbi ed ha avvisato i Carabinieri. E’ stato cosi’ predisposto un servizio di appostamento nei pressi di piazza San Giovanni, punto in cui il collaboratore del fantomatico Don Gabriele avrebbe dovuto ritirare il denaro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A consegna avvenuta, i Carabinieri hanno arrestato il malvivente, che, si è scoperto, ha decine di pagine di precedenti analoghi, sarebbe l’autore anche di un’altra truffa messa a segno lo scorso mese ai danni di alcune suore del ravennate. Cosi’ in un comunicato il Comando Provinciale Carabinieri Roma. (Comunicati/Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento