06 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, caso bus in fiamme: si ipotizza truffa dei pezzi di ricambio

di Redazione

Gli investigatori stanno indagando per capire se i guasti siano legati a deficit nella manutenzione o all'utilizzo di pezzi di ricambio di cattiva qualità

Sui roghi degli autobus Atac nelle strade della Capitale sta indagando la magistratura. Gli investigatori sospettano che dietrto i guasti, il funzionamento difettoso e gli incendi dei bus della municipalizzata si possa nascondere la truffa dei pezzi di ricambio, rubati e rivenduti, e delle manutenzioni fantasma. Lo sapremo quando arriveranno i risultati della perizia disposta ieri dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e dal pm Mario Dovinola.

Secondo “Il Messaggero.it”, i magistrati ipotizzano il reato colposo di danno in materia di incolumità pubblica, ed avrebbero accorpato in un unico fascicolo gli ultimi 3 incidenti che hanno diffuso il panico nella Capitale: l’autobus esploso in via del Tritone, in pieno centro di Roma, quello che ha preso fuoco poche ore dopo in periferia, e quello quasi avvolto dalle fiamme il giorno dopo, a piazza Venezia.

Pare che due mezzi provenissero dalla stessa rimessa – rivela “Il Messaggero.it” – quindi gli investigatori stanno indagando per capire se vi fossero dei collegamenti tra i casi e, soprattutto, se i guasti siano legati a deficit nella manutenzione o all’utilizzo di pezzi di ricambio di cattiva qualità.

La Cotral, l’azienda regionale dei trasporti, fu travolta da uno scandalo che coinvolse circa 60 persone e riguardava revisioni fatturate e mai effettuate dei mezzi circolanti, pezzi di ricambio scadenti, spacciati per componenti meccaniche nuove, parti di motore smontate e poi rivendute. Il risultato anche il quel caso era una flotta di autobus malandati, in pessime condizioni che prendevano fuoco durante il percorso con i passeggeri a bordo. Un sistema che potrebbe essersi ripetuto nella municipalizzata capitolina.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento