Roma, Alzetta (Action): Raggi vuole mettere sgomberati in baracche

2

"Quello di via Carlo Felice era uno degli stabili inseriti nella lista di quelli che dovrebbero essere sgomberati perché pericolanti insieme a Viale del Policlinico e altri tre. Peccato che sia in via Carlo che Felice che a Viale del Policlinico sia venuta la Commissione stabili pericolanti che ha detto che nessuno stabile è pericolante".

A dirlo è stato Andrea Alzetta, rappresentante del movimento per la casa 'Action' ed ex consigliere comunale, intervenuto stamane in via Carlo Felice 69 a margine della presentazione del censimento fatto dal Municipio I all'interno dell'edificio occupato. "Secondo elemento- spiega Alzetta- qui ci sono tutte persone che hanno fatto domanda per una casa popolare e ne hanno i requisiti previsti dalla legge.

Noi stiamo rivendicando la legalità perché per la Legge 12 del 98 e anche per la Delibera regionale del 2013 queste persone hanno tutte diritto ad una casa, invece la Raggi le vuole mettere nelle baracche che ha 'comprato/appaltato' alla Croce Rossa.

Parliamo di 50 baracche che sono state fatte per i conflitti in Ciad e in Siria, ma a me non risulta che Roma sia stata bombardata e a via Ramazzini hanno montato 50 baracche per ospitare 100 persone che verranno sgomberate. Questa è una soluzione sotto i livelli di civiltà, di un razzismo istituzionale nei confronti dei poveri, credo inaccettabile", ha concluso. (Foto: Andrea Alzetta)