Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Agosto 2022

Pubblicato il

La corsa al Colle

Quirinale, chiedere un “Presidente donna” svilisce anzitutto le donne

di Mirko Ciminiello
Gli unici criteri dovrebbero essere merito e autorevolezza, altrimenti è inconsapevole (auto)sessismo: mentre sarebbe diverso se si iniziassero a fare dei nomi…
quirinale
Il Quirinale

A una decina di giorni dall’inizio dell’iter parlamentare della nomina del nuovo Capo dello Stato, la corsa al Quirinale è entrata ufficialmente nel vivo. E, accanto ai nomi che da settimane campeggiano sui media mainstream, cresce la richiesta che il successore di Sergio Mattarella sia una donna. Un’istanza ovviamente legittima ma che, paradossalmente, è offensiva anzitutto verso le donne stesse.

Una donna al Quirinale?

Le date segnate col circoletto rosso, com’è ormai arcinoto, sono il 24 gennaio, quando il Parlamento si riunirà in seduta comune. E il 27 gennaio, quando per nominare l’inquilino del Colle diventerà sufficiente la maggioranza assoluta dei grandi elettori, e non più i due terzi.

I superfavoriti, almeno per quanto concerne le carte (più o meno) scoperte, restano due. Da un lato il Premier Mario Draghi, che continua ad adottare una “strategia del silenzio” estremamente eloquente. Dall’altro il leader azzurro Silvio Berlusconi, cui il segretario leghista Matteo Salvini ha confermato il sostegno «compatto e convinto» del centrodestra, come riferisce l’Adnkronos.

quirinale, silvio berlusconi e mario draghi
Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e il Premier Mario Draghi

Accanto a queste candidature, si moltiplicano le esortazioni a eleggere un “Presidente donna”. L’ultimo in ordine di tempo, come riporta Sky TG24, è stato l’ex bi-Premier Giuseppe Conte. Già a inizio gennaio, comunque, un appello in tal senso era stato rivolto «alle forze politiche chiamate a votare il prossimo Presidente della Repubblica». Un appello lanciato da diverse personalità femminili del mondo della cultura e dello spettacolo, con la scrittrice Dacia Maraini come prima firmataria.

dacia maraini
La scrittrice Dacia Maraini

Un appello paradossale

Eppure, come evidenzia il sociologo Giuliano Guzzo, auspicare un “Presidente donna” non è «una valorizzazione, bensì uno svilimento della presenza femminile nelle istituzioni». Perché si rischierebbe di pensare che la scelta di questo eventuale inquilino del Quirinale sia motivata principalmente dal sesso di appartenenza. E non, quindi, all’alto profilo e all’autorevolezza che dovrebbero contraddistinguere la prima carica dello Stato.

«Un Presidente della Repubblica donna». Contrariamente a ciò che appare, in tale auspicio non c’è una valorizzazione… Pubblicato da Giuliano Guzzo su Martedì 4 gennaio 2022

Sarebbe diverso se questi inconsapevoli (auto)sessisti iniziassero a fare dei nomi concreti, che pure non mancano. Sky TG24, per esempio, ha citato il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Ministro della Giustizia Marta Cartabia, l’ex Guardasigilli Paola Severino. E non sono le uniche, naturalmente. Perché non servono anti-meritocratiche quote rosa perché la rosa dei quirinabili in rosa prenda quota.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo