29 Settembre 2021

Pubblicato il

Quando un bacio salva la vita

di Redazione
La storia di Phil e Rachel Brace riportata da Metro.co.uk

Accadono, nel mondo, cose eccezionali. Tra queste non solo i grandi sconvolgimenti che interessano il pianeta, dal clima agli assetti politici in continuo mutamento, ma anche il semplice batter d'ali di una farfalla, in grado di scatenare un uragano dall'altra parte del mondo. "Può, il batter d'ali di una farfalla in Brasile, provocare un tornado in Texas?", si domandava Lorenz nel 1972 quando, nel corso dei suoi studi matematici sulla Teoria del caos, analizzò il c.d. Effetto farfalla. 

Ebbene si, metaforicamente parlando, il c.d. Effetto farfalla è verificabile. La cronaca, spesso, dimostra come un accadimento di piccola entità sia in grado di suscitare, ovunque esso si verifichi, fortissime reazioni emotive. Veri e propri uragani ad ampio raggio.

A darne nuovamente prova è una storia che arriva da lontano, quella di Rachel Brace e suo marito Phil, una storia eccezionale, raccontata da Metro.co.uk. Phil, da poco uscito di casa per andare al lavoro, decide imprevistamente di rincasare. A spingerlo un'ottima ragione: dare un bacio alla sua figlioletta. L'uomo, stranamente, aveva dimenticato di salutare sua figlia e cioè di compiere quel piccolo rito quotidiano che è espressione d'amore e cura genitoriale.

Così Phil torna a casa. Al rientro, ad aspettarlo, trova sua moglie riversa a terra in preda ad un colpo apoplettico. La soccorre, in casi simili si dice sempre che "è tutta una questione di tempo". E lui è arrivato in tempo: Rachel miracolosamente si salva. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

La storia di questa famiglia inglese non 'commuove' il web, ma lo intenerisce col suo insegnamento. Un insegnamento che ha la forza di un uragano e richiama quelle che furono le prime parole espresse da Papa Francesco: "Non abbiate paura della bontà e della tenerezza".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo