Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Maggio 2022

Pubblicato il

Prostituzione, in arrivo bozza ordinanza per contrasto fenomeno

di Redazione
Incontro tra il presidente del Municipio IX e il prefetto di Roma Franco Gabrielli

“Questa settimana, nel primo tavolo sull’ordine pubblico e la sicurezza che verrà convocato in Municipio, porterò una bozza di ordinanza antiprostituzione per le zone a ridosso delle scuole, degli uffici e delle abitazioni dell’Eur. La volontà è quella di affrontare il problema con la normativa a disposizione, anche in vista dell’estate”.

A parlare è il presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, che già nei giorni scorsi, ai microfoni di Radio Cusano Campus, aveva manifestato la volontà di incontrare “il nuovo prefetto di Roma” Franco Gabrielli, per “cercare di trovare insieme la soluzione migliore” al problema della prostituzione. Problema che, spiega Santoro, vuole essere affrontato con la sua proposta che non è quella di creare zone di tolleranza – “istituire aree dove esercitare la prostituzione è fuori norma e nessuno ha mai pensato di farlo”, dice il presidente del Municipio – ma di controllare al meglio “alcune aree ‘sensibili’ con multe fino a 500 euro per i clienti. Significa in qualche modo decentrare il fenomeno – ha concluso Santoro – cui uniamo il finanziamento del progetto Roxanne, ovvero le unità di strada che offrono sostegno a chi è costretto a prostituirsi”.

Al momento, Franco Gabrielli si è  detto “d’accordo” con la proposta del minisindaco del Municipio IX. “Sono d’accordo con l’ordinanza che fa esplicito divieto all’esercizio del meretricio nelle zone in cui gli esiti di questa attività hanno un impatto sulla vita della gente”, dice infatti Gabrielli.

All’ordine del giorno dell’incontro, il tema delle “aree riservate”. “Tema che implicherebbe normative diverse, e credo anche quelle sia giunto il momento di affrontarle seriamente in questo Paese. Le azioni che sta facendo il presidente per evitare che i cittadini e i residenti vivano le conseguenze di un fenomeno che, allo stato attuale, non è governato, non possono non trovarmi d’accordo”, conclude il prefetto.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo