15 Luglio 2021

Pubblicato il

Sconvolse il calcio

Processo Astori, il pm chiede la condanna del medico Galanti a 1 anno e sei mesi

di Redazione

La morte di Astori scosse profondamente il mondo del calcio italiano e internazionale

davide astori processo
Davide Astori

Francesca Fioretticompagna dell’ex capitano della Fiorentina Davide Astoritrovato senza vita il 4 marzo 2018 in un albergo a Udine, è appena arrivata al palazzo di giustizia di Firenze. Il corpo esanime di Astori è stato rinvenuto alla vigilia della partita che la squadra viola avrebbe dovuto giocare nella città friulana, contro l’Udinese.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Rito abbreviato

Oggi, 2 aprile 2021, è fissata una nuova udienza del processo con rito abbreviato a carico di Giorgio Galanti, medico accusato di omicidio colposo. Galanti è l’ex direttore dell’istituto di medicina sportiva dell’ospedale fiorentino di Careggi. La compagna di Davide Astori, Francesca Fioretti era attesa da numerosi giornalisti, ma non ha lasciato dichiarazioni.

Anomalie nella prova da sforzo

A febbraio l’udienza si è focalizzata sulla nuova perizia disposta dal giudice Angelo Antonio Peruzzi, affidandola al medico legale Gianluca Bruno e al cardiologo Fiorenzo Gaita. In quella perizia i due esperti hanno evidenziato che le anomalie emerse durante la prova da sforzo si potevano approfondire con l’holter cardiaco. Tuttavia, anche in quel caso, la patologia che affliggeva Astori (cardiomiopatia aritmogena biventricolare) sarebbe stata difficile da intercettare e quindi non si sarebbe potuto evitare la morte. 

Omicidio colposo

Di parere opposto, invece, sono i pm fiorentini che contestano a Galanti il rilascio di due diversi certificati di idoneità, a luglio 2016 e a luglio 2017. Idoneità concesse anche se nelle prove da sforzo erano state rilevate delle aritmie. In particolare, il pm Antonino Nastasi ha chiesto una condanna di un anno e sei mesi. (Agenzia Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento