17 Giugno 2021

Pubblicato il

Prima nazionale del “Nabucco” un capolavoro di Giuseppe Verdi

di Redazione

Anche quest’anno la Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma ha puntato molto sul rilancio della stagione di Caracalla

Sabato 9 luglio (ore 21) Nabucco, il capolavoro di Giuseppe Verdi, apre la stagione lirica alle Terme di Caracalla, sede estiva dell’Opera di Roma. Alla direzione dell’Orchestra del Teatro dell’Opera l’americano John Fiore e, il 9 agosto, Carlo Donadio. Firma la regia di questo nuovo allestimento Federico Grazzini.

«Anche quest’anno la Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma ha puntato molto sul rilancio della stagione di Caracalla,  ha dichiarato il Sovrintendente Carlo Fuortes, La proposta di venticinque serate è un impegno notevole per il Teatro, così come lo è la scelta di produrre un nuovo allestimento del Nabucco verdiano che apre la stagione lirica estiva. Abbiamo proseguito nella linea di dare fiducia a giovani registi italiani e il nome di Federico Grazzini ci sembra dare tutte le garanzie di una lettura innovativa ma insieme fedele allo spirito del capolavoro.»

«Le rovine delle Terme sono state il punto di partenza per immaginare lo spazio scenico, spiega Federcio Grazzini, al suo primo impegno con la Fondazione capitolina, le abbiamo trattate come un simbolo di terrore e devastazione, ma anche magnificenza dell’animo umano. Nabucco, prosegue il regista, è a capo di un esercito che distrugge, invade e profana lo spazio sacro degli Ebrei, un luogo ambiguo fatto di macerie, arcaico e contemporaneo allo stesso tempo, che si pone in continuità con le Terme. Caracalla diventa il teatro di un conflitto universale, quello tra oppressi e oppressori»

Luca Salsi torna nel ruolo del titolo, nel quale si alterna con Sebastian Catana (30 luglio e 2, 5, 9 agosto). Già apprezzate dal pubblico romano proprio in quest’opera anche Csilla Boross, che interpreterà Abigaille in alternanza con Raffaella Angeletti (30 luglio e 5 agosto), e Simge Büyükedes, che sarà Anna.

Ancora nel cast Alisa Kolosova (Fenena), Antonio Corianò (Ismaele), Vitalij Kowaljow (Zaccaria), Alessio Cacciamani (Il Gran Sacerdote di Belo), Pietro Picone (Abdallo). Sul palcoscenico delle Terme anche il Coro del Teatro dell’Opera diretto dal maestro Roberto Gabbiani.

Firma le scene di questo nuovo allestimento Andrea Belli, i costumi sono di Valeria Donata Bettella, movimenti coreografici Marta Iagatti, luci di Alessandro Carletti e video di Luca Scarzella.

Dopo la “prima” di sabato 9, Nabucco verrà replicato a luglio lunedì 11, sabato 23 e sabato 30; ad agosto martedì 2, venerdì 5 e martedì 9. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.00.

Anche quest’anno, nel suggestivo e unico scenario delle Terme di Caracalla, in occasione delle “prime”, si terranno le “Lezioni di Opera” del maestro Giovanni Bietti: Nabucco sabato 9 luglio; Il barbiere di Siviglia lunedì 18 luglio, Madama Butterfly venerdì 29 luglio. Inizio ore 19.00.

Con l’apertura della stagione operistica riparte anche My Caracalla, progetto realizzato dal Dipartimento Didattica e Formazione del Teatro dell’Opera di Roma in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma. Consiste in una visita guidata al Monumento delle Terme di Caracalla, un aperitivo in area riservata all’interno delle Terme e uno spettacolo (a scelta tra Nabucco, Il barbiere di Siviglia e Madama Butterfly). L’iniziativa è riservata ai possessori del biglietto dello spettacolo in programmazione nella stessa serata. I pacchetti vanno da 100,00 euro nel settore A ai 50,00 euro del settore D. Le visite, realizzate da Coopculture, partiranno dalla biglietteria delle Terme di Caracalla alle 19.15. Per informazioni e prenotazioni contattare il Servizio Promozione Pubblico,                                                                                                                      

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento