14 Luglio 2021

Pubblicato il

La versione di Cesare

PD: il matrimonio tra post Comunisti e post Democristiani è fallito

di Redazione

Il Paese ha bisogno di un forte Partito riformista che promuova un nuovo patto sociale, che non è rappresentato dal Pd

Pd
Il simbolo del Pd

Con l’arrivo di Enrico Letta si spera che riesca a far uscire il Partito Democratico da un equivoco culturale post ideologico. Il matrimonio tra post comunisti e post democristiani è fallito per cui è necessario che le due anime si separino e tornino nel proprio alveo. Il Partito Democratico sin dalla nascita è stato privo di una chiara identità e di una ideologia di appartenenza. Dopo che un segretario post comunista ha combinato solo guai e si è appiattito totalmente sulla posizione di Conte e dei pentastellati. Un partito allo sbando senza una chiara linea politica.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Un’operazione mal riuscita

Il Partito Democratico si è formato aggregando una classe dirigente proveniente dal Partito Comunista italiano e dalla Democrazia Cristiana di sinistra che non presentavano alcuna affinità politica e privo di una chiara visione della società e dello Stato ma esclusivamente per la gestione del potere. Il patto è servito essenzialmente per garantire la sopravvivenza di alcuni leader di riferimento. Chi aderiva alla nuova formazione politica confermava la propria fede seguendo un leader di riferimento più che impegnato a costruire una casa comune.

E’ rimasta una operazione mai completata con gli ex democristiani che spingevano per formare il Partito dei moderati e gli ex comunisti interessati a conservare una diversità che li rendeva ostili alla socialdemocrazia.

E’ giunto il momento che i militanti e dirigenti prendano una seria decisione di tornare nuovamente a concretizzare due realtà, diverse ma unite nel contrastare l’avvento di forze non europeiste. Il grande rischio che il Partito Democratico corre è quello di perdere consensi elettorali sia a sinistra che tra i moderati. Attualmente molti elettori del PD rivolgono il loro sguardo al professor Giuseppe Conte. Gli ultimi sondaggi sono impressionanti a conferma di questo. Il Partito Democratico perde circa sei punti percentuale a favore del movimento rappresentato dall’Avvocato del Popolo.

Il nuovo segretario pone l’accento sullo ius soli e il voto ai sedicenni. Con tutti i problemi che gli italiani stanno vivendo sulla loro pelle è questo il momento migliore per affrontare certi argomenti? Il Paese ha bisogno di un forte Partito riformista che promuova un nuovo patto sociale e che spieghi come la Stato vada radicalmente ripensato. Per questo motivo un segretario di transizione non serve a nulla. Servirebbe un congresso straordinario e costituente che spazzi via equivoci e nostalgie e scriva nuovamente una importante pagina di storia politica.

Cesare Giubbi

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento