Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2023

Pubblicato il

Papa Francesco torna sull’omosessualità: “Non è un crimine, vescovi usino tenerezza”

di Redazione
Il peccato viene commesso da quei vescovi che criminalizzano l'omosessualità, l'affondo di Bergoglio
Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco è tornato sul tema dell’omosessualità, definendo “ingiuste” le leggi che la criminalizzano. Bergoglio ha affermato che Dio ama tutti i suoi figli così come sono e ha invitato i vescovi cattolici ad accogliere le persone di qualsiasi orientamento sessuale nella Chiesa.

“Essere omosessuali non è un crimine”, ha detto espressamente Francesco in un’intervista con l’Associated Press.

Papa Francesco, il peccato è commesso dai vescovi che non accolgono l’omosessualità

Francesco ha definito invece “peccato” quello commesso dai vescovi che sostengono leggi che criminalizzano l’omosessualità o discriminano la comunità gay.

“Questi vescovi devono fare un processo di conversione”, ha detto, aggiungendo che dovrebbero usare “la tenerezza, per favore, come Dio ha per ciascuno di noi”.

L’atteggiamento di critica al pontificato “non lo riferirei a Benedetto, ma a causa dell’usura di un governo di dieci anni”, ha detto il Papa. All’inizio, la sua elezione è stata accolta con un senso di “sorpresa” per un Papa sudamericano, poi è arrivato il disagio “quando hanno iniziato a vedere i miei difetti e non gli sono piaciuti”, ha detto. “L’unica cosa che chiedo è che me le dicano in faccia, perché è così che cresciamo tutti, giusto?”. Francesco ha elogiato Benedetto come un “gentiluomo” e ha detto della sua morte: “Ho perso un papà”, “per me era una sicurezza”, “ho perso un buon compagno”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo