18 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma Ostia, Vigili del Fuoco: sono pietose le condizioni della caserma

di Redazione

Riccardo Ciofi, segretario generale Fns Cisl di Roma Capitale ha verificato le condizioni fatiscienti delle sedi a Ostia

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Riccardo Ciofi, segretario generale Fns Cisl Roma Capitale e Rieti: 

“A seguito di un sopralluogo effettuato nella sedi di Ostia abbiamo verificato le precarie condizioni igieniche e logistiche in cui lavorano il personale del Vigili del fuoco in servizio presso questo distaccamento. Le foto allegate fanno capire, al di là di quanto scritto, la reale situazione di fatiscenza in cui si trova la struttura: infiltrazioni di acqua, scarsa pulizia, finestre,cancelli e portoni per il ricovero degli automezzi rotti, luoghi non idonei per le eventuali emergenze che vengono affrontate: basti pensare che nei raddoppi dei turni non ci sono neanche i posti letto per tutto il personale.

Il personale non riesce ad effettuare neanche le esercitazioni quotidiane in quanto la sede è sprovvista di idonea struttura. Le richieste di sistemazione dei lavoratori rimangono inevase, in quanto, il Comune non trova le risorse economiche necessarie per effettuare le riparazioni atte a mantenere la sede in condizioni di vivibilità accettabili. Ciò che più preoccupa la FNS CISL di ROMA è sottolineare il fatto che in un territorio come Ostia, con circa 400 mila abitanti, dove le altre istituzioni hanno rafforzato la loro presenza sul campo, istituendo altre sedi operative, i Vigili del Fuoco sono rimasti in una caserma del 1943, con tutte le problematiche che ciò comporta.

Pertanto, richiediamo che vengano al più presto approntate le risorse per effettuare i lavori di manutenzione e, se necessario, venga individuato un nuovo sito idoneo per trasferire i Vigili del Fuoco per dare alla popolazione di Ostia la giusta efficienza operativa”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento