07 Marzo 2021

Pubblicato il

Ospedale Israelitico non deve chiudere 800 lavoratori a rischio

di Redazione

Finito nello scandalo con gli arresti dopo una truffa milionaria, stanno protestando in piazza Santi Apostoli

E’ in corso un sit-in dei lavoratori dell'ospedale Israelitico, davanti la Prefettura di Roma, per chiedere la salvaguardia dei posti di lavoro. Il segretario generale della Fp Cgil Roma e Lazio, Natale Di Cola, sul profilo Twitter scrive: "Iniziato incontro in prefettura. Operatori Israelitico in piazza per salvare lavoro e servizi".

''L'Ospedale Israelitico non deve chiudere 800 lavoratori a rischio''. Dietro questo grosso cartello diverse decine di lavoratori dell'Israelitico, finito nello scandalo con gli arresti dopo una truffa milionaria, stanno protestando in piazza Santi Apostoli, in attesa dell'incontro tra il prefetto di Roma, Franco Gabrielli e i rappresentanti sindacali. Al sit-in, organizzato da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, tra bandiere, fischietti e megafoni, c'è anche uno striscione dell'Anmirs – Associazione nazionale medici istituti religiosi ospedalieri. "Vogliamo che l'ospedale non chiuda, abbiamo voglia di continuare. In questo momento la situazione è drammatica: noi rivendichiamo solo i nostri posti. Sono 119 anni di storia, è un'istituzione, è l'unico in Europa: l'ospedale è praticamente morto e ci sono qui anche i pazienti che vogliono continuare a essere seguiti da noi", spiegano i manifestanti. Che sono in piazza per "cercare di far valere i nostri diritti come lavoratori. Abbiamo un grandissimo bacino d'utenza, qui oggi ci sono 800 famiglie che stanno senza dormire la notte. Oggi il prefetto ha convocato i rappresentanti sindacali, speriamo che oggi da questo incontro la situazione si sblocchi". "Siamo qui in piazza perché crediamo nell'Ospedale Israelitico, ribadisce una lavoratrice. E’ una struttura piccola che cerca di dare una cura e un approccio più intimo al paziente. È una struttura ebraica, perciò credo abbia un valore particolare. Speriamo nell'aiuto del Governo e del prefetto e noi siamo disponibili a dare una mano".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento