05 Agosto 2021

Pubblicato il

Municipio III, bocciata mozione sul registro dei tumori

di Redazione
Consiglio Municipale boccia la mozione proposta dal MoVimento 5 Stelle

Mentre in Regione, sul registro tumori, qualcosa si muove – con una proposta di legge su iniziativa dei consiglieri Davide Barillari, Devid Porrello, Silvia Blasi, Valentina Corrado, Gianluca Perilli, Silvia Denicolò, Gaia Pernarello, che ha accolto il favore della stessa Giunta Zingaretti – nel Municipio III di Roma, invece, la mozione a firma del MoVimento 5 Stelle sullo stesso tema è stata bocciata, durante la seduta del Consiglio del 9 aprile 2014.

Il testo della mozione impegnava la Giunta Municipale e il presidente Marchionne “ad intervenire presso l'amministrazione regionale al fine di attivare quanto prima il registro dei tumori”. Secondo i consiglieri del MoVimento 5 Stelle del Municipio III, Moretti e Proietti, la mozione era “finalizzata ad iniziare un percorso di prevenzione seria, per arginare ove possibile l'insorgere di queste malattie. Un modo per avere un quadro generale, anche nel III Municipio, un municipio molto esteso e altamente popolato”.

Come sottolinea lo stesso M5S, in altri Municipi di Roma Capitale, la stessa mozione è stata votata e approvata all’unanimità, come nel Municipio X.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Ma il Municipio III non è nuovo a bocciature assurde – continuano i 5 Stelle – Ricordiamo la mozione sull'open source, prima bocciata, andando contro il loro stesso programma, poi presentata in Campidoglio, dove è passata, poi ripresentata in municipio con esito positivo. Stessa cosa per la risoluzione sulla cartellonistica abusiva, bocciata, ancora una volta andando contro il loro stesso programma, senza motivo.

"Insomma questa maggioranza in III municipio oltre ad essere palesemente spaccata è anche molto in confusione, vede gli interessi di partito e non quelli dei cittadini" – conclude il MoVimento 5 Stelle.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo