05 Agosto 2021

Pubblicato il

Milano, cartello shock in vetrina: “L’unica speranza è che muoia Conte”: commerciante si scusa

di Redazione
Il cartello shock è comparso nella vetrina di un negozio di Cernusco sul Naviglio, nell'hinterland milanese
Cartello morte Conte

Il cartello shock è comparso nella vetrina di un negozio di Cernusco sul Naviglio, nell’hinterland milanese e recita: “L’Unica speranza è che muoia Conte”. Il sindaco Ermanno Zacchetti, non appena ha avuto notizia della scritta ha chiamato i carabinieri. E presto, ha detto, si metterà in contatto con il commerciante autore del gesto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il cartello shock contro il presidente Conte

Per ora infatti, riporta la Repubblica, la frase non è visibile al pubblico in quanto si trova in Zona Rossa e le saracinesche delle attività sono abbassate. Il cartello però è stato visibile per un giorno, prima che la Lombardia diventasse Zona Rossa.

La lista civica Vivere Cernusco condanna il cartello. “È comprensibile lo sconforto, la non conformità e anche la rabbia, ma non accetteremo mai l’incitazione alla violenza o alla morte di nessuno”.

Il fatto ha avuto enorme diffusione sui Social, soprattutto perché riportato dalla blogger e giornalista Selvaggia Lucarelli. Il commerciante ha successivamente rilasciato una dichiarazione di scuse al quotidiano Prima Venezia.

Il paradosso: il commerciante “minaccioso” a sua volta minacciato

E visto che la violenza (motore del paradosso che viviamo costantemente sui Social), si condanna con altrettanta violenza: “Ho ricevuto telefonate anonime in cui mi dicevano che mi avrebbero bruciato il negozio, mi hanno augurato ogni sorta di male“, racconta il negoziante.

Il commerciante si è scusato, ha aggiunto di essere credente e di essersi lasciato prendere dal momento drammatico che il paese sta vivendo e di non aver pensato alle conseguenze che potevano seguire il suo gesto.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo