Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2020

Pubblicato il

Ancora tensioni tra i rosso-gialli

Mes pandemico, conta (e Conte) in Parlamento, ma il Governo non rischia

di Mirko Ciminiello

Il Premier frena ancora sul Fondo salva-Stati, facendo infuriare Pd e Iv, poi ricuce il mezzo strappo annunciando un patto di legislatura. E intanto l’opposizione resta a guardare

nuovo mes
Il Meccanismo Europeo di Stabilità (Mes)

Il cosiddetto Mes pandemico o sanitario è tornato a mandare in fibrillazione una maggioranza che sul tema è sempre stata bellicosa – per usare un eufemismo. “Colpa” del bi-Premier Giuseppe Conte che, all’interno della conferenza stampa di presentazione dell’ultimo (in senso cronologico) Dpcm, ha espresso sullo strumento un giudizio tranchant. Salvo poi fare la parziale retromarcia tipica dei politici quando si accorgono che il sasso che avevano lanciato ha intorbidato le acque.

Tensioni sul Mes pandemico

«Il Mes non è la panacea come viene rappresentato». L’ex Avvocato del popolo ha emesso la sua sentenza, e già questa è una notizia, non tanto per la “bizzarria giuridica” quanto per l’inusuale volitività del Nostro, notoriamente incline all’attendismo. «I soldi del Mes sono dei prestiti, non possono finanziare spese aggiuntive, si possono coprire spese già fatte e vanno a incrementare il debito pubblico. Se li prendiamo dovrò intervenire con tasse e tagli perché devo mantenere il debito sotto controllo».

Apriti cielo, con il segretario dem Nicola Zingaretti che ha dato per primo fuoco alle polveri. «Un tema così importante come il Mes va affrontato in Parlamento e tra Governo e maggioranza, non in una battuta in conferenza stampa» ha tuonato.

nicola zingaretti
Il segretario del Pd Nicola Zingaretti

Durissimo anche l’attacco del leader di Iv Matteo Renzi, con tanto di riferimento agli omologhi del Carroccio, Matteo Salvini, e di FdI, Giorgia Meloni. Segno che certamente il senatore fiorentino sa quali spauracchi agitare, e forse inizia a capire che ormai difficilmente può brillare, se non di luce riflessa.

https://www.facebook.com/matteorenziufficiale/posts/10158148265489915

L’aspetto paradossale è che anche il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, esponente del Pd, seppure favorevole al Mes pandemico ha scelto la via della prudenza. Spiegando che il Meccanismo Europeo di Stabilità «non è un fondo perduto» e «fa risparmiare circa 300 milioni di interessi in 10 anni». È una linea di credito da circa 36 miliardi a tasso quasi zero, immaginata per chi è in deficit di liquidità – che non è il caso dell’Italia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La prudenza del Ministro Gualtieri

Il Cancelliere dello Scacchiere ha insistito sull’assenza di vincoli oltre quello di «usare queste risorse in ambito sanitario», il che rappresenta un tasto dolente. Perché l’esclusione dal Fondo salva-Stati delle condizionalità macroeconomiche – quelle, per intenderci, che hanno “regalato” la trojka alla Grecia – è solamente un gentlemen’s agreement. Di qui i timori che possano rispuntare in un secondo tempo – con annesso commissariamento – che è il motivo dell’ostilità verso il Mes. Che a sua volta non è un’esclusiva di Lega e Fratelli d’Italia, essendo condivisa pure dal M5S.

Ma il titolare di via XX Settembre è andato anche oltre, lanciando sugli euro-finanziamenti un avviso ai naviganti. «Non sono 37 miliardi in più per la sanità», e possono avere un costo in termini di stabilità, spread e “stigma” dei mercati.

Lo ha evidenziato anche Giuseppi, che comunque alla fine ha ricomposto la frattura affermando che del Mes pandemico si discuterà nelle «sedi opportune». E, soprattutto, concedendo a Zinga il sospirato vertice per un «patto di legislatura» che dovrebbe dare «nuova linfa all’azione del Governo». Un passaggio che si dovrebbe concretizzare dopo gli Stati Generali dei grillini, e che è stato accolto favorevolmente dal Governatore del Lazio.

Nell’ordine, quindi, si dovrebbero tenere prima il tavolo intergovernativo (l’ennesimo) e poi la conta in Aula invocata a gran voce da via del Nazareno. Ulteriore conferma di quanto sia azzeccato, per il Presidente del Consiglio, il soprannome di Signor Frattanto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Mes pandemico, pochi rischi per il Governo

Il rammendo ai semi-scontri con mezza coalizione non è l’unico motivo per cui Conte Fabio Massimo il Temporeggiatore può stare sereno – e non in senso renziano. In effetti, pur con tutte le tensioni del caso, è poco probabile che all’orizzonte spuntino minacce reali per l’esecutivo rosso-giallo. Neppure dal futuro redde rationem in Parlamento.

Lo dimostra il fatto che, poco più di una settimana fa, a Montecitorio si è già tenuta una votazione sul Meccanismo Europeo di Stabilità. Si trattava di una risoluzione presentata da Forza Italia e Noi con l’Italia favorevole all’uso dello strumento, che la Camera ha bocciato senza appello. Peraltro con il voto contrario anche dei democratici, circostanza che ha suscitato il sarcasmo del deputato leghista Claudio Borghi.

Certo, le prospettive delle mozioni cambiano in base all’area politica che le presenta, ma intanto la possibile spallata è stata ancora una volta rimandata. Per la gioia degli onorevoli di maggioranza, che hanno procrastinato ancora il Reddito di cittadinanza. E, forse, anche con un certo sollievo dell’opposizione che, al netto delle schermaglie mediatiche, non sembra ansiosa di assumere un fardello come la gestione della crisi da Covid-19.

Oltretutto, sul Mes pandemico (e anche su quello “classico”) la discussione è piuttosto sterile. Se le posizioni degli ex alleati giallo-verdi (e dei meloniani) resteranno immutate, semplicemente non ci sarà modo di dare il disco verde al Salva-Stati. Mundum numeri regunt.

I dubbi sulla Manovra

Sarebbe invece decisamente più interessante focalizzare il dibattito su un altro giallo finanziario, relativo alla Manovra 2021. Nella quale il Mef ha inserito 15 miliardi del Recovery Fund che, com’è universalmente noto, allo stato equivalgono praticamente ai soldi del monopoli.

recovery fund
Recovery Fund

Ecco, su questo insignificante dettaglio – come anche sull’approvazione “salvo intese” della legge più importante dello Stato – forse qualcuno dovrebbe avere da ridire. Qualcuno, s’intende, situato molto più in alto dell’intero arco costituzionale.

Brute, dormis?, verrebbe quasi da chiedersi, se il paragone non fosse irriverente. Sonni tranquilli li dorme, senza ombra di dubbio, il leguleio volturarese. Che magari non prenderà pesci, però nemmeno rischi. Di questi tempi, scusate se è poco.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento