Mercoledì 25 maggio, lo sciopero nazionale nella Capitale

1

Oggi è prevista una giornata di passione per i servizi pubblici nella Capitale a causa dello sciopero nazionale dei lavoratori pubblici a cui potrebbero aderire l'80% dei 24.000 dipendenti capitolini.

Si annunciano quindi disagi negli sportelli dei municipi, chiusure delle scuole d'infanzia e riduzione delle unità dei vigili in servizio.

"Sette mesi di commissariamento e alla vigilia delle elezioni amministrative non si è fatto un passo avanti per il contratto dei 24.000 lavoratori comunali", scrivono in una nota i segretari generali Fp Cgil Roma e Lazio, Natale Di Cola, Cisl Fp Roma e Lazio Roberto Chierchia e Uil Fpl Roma e Lazio Sandro Bernardini.

"La proposta del commissario straordinario Tronca è insufficiente – dichiara Di Cola – noi abbiamo una nuova controproposta per recuperare quel 20% che era stato tolto dalla busta paga, legandolo in parte alla produttività e in parte a meccanismi specifici come responsabilità e a turni".

I musei civici gestiti da Zètema dovrebbero funzionare regolarmente; il recente accordo sul contratto raggiunto con Federcultura garantirebbe le normali aperture.

Apertura di un solo turno dei principali siti gestiti dal Mibac: Colosseo, Foro Romano – Palatino e Scavi di Ostia Antica dalle 8.30 alle 13.30. Terme di Caracalla, Crypta Balbi, Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano, Cecilia Metella e Tombe Latine dalle 9 alle ore 14.

La Sanità pubblica , i pronto soccorso non avranno ripercussioni importanti, mentre la Sanità privata e le cooperative saranno coinvolte in misura maggiore, poiché alcuni settori non hanno il rinnovo del contratto di lavoro da 10 anni. Atac e Ama non saranno interessate allo sciopero; bus e metro percorreranno le loro consuete corse senza difficoltà per i viaggiatori.

I sindacati unitari Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl stanno manifestando a Roma per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, si muoveranno in corteo da via di San Gregorio, Arco di Costantino – Colosseo, su via dei Fori Imperiali fino alla scalinata del Campidoglio.