Maturità, si inizia il 22 giugno: seconda traccia diversa in ogni istituto

1

Negli ultimi anni l’esame di Maturità è cambiato e non poco. L’arrivo della pandemia ha poi condizionato, e non poco, lo svolgimento dello stesso stravolgendolo. In questo anno corrente, non a caso, ne risente la seconda prova che sarà differente in ogni istituto in base a quanto programma è stato fatto. Scelta presa proprio per agevolare gli studenti in base al programma fatto, che può variare anche a causa della pandemia.

L’inizio degli esami

La prima prova ci sarà il 22 giugno e sarà predisposta su base nazionale: un tema di Italiano diviso in 7 tracce con tre diverse tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. Il giorno seguente ci sarà, poi, la seconda prova.

Seconda prova condizionata

In questo caso la prova varierà in base al programma raggiunto. Una misura che permette una migliore agevolazione per gli studenti in un periodo un cui la pandemia condiziona lo svolgimento dei programmi. Ogni istituto, infatti, deciderà per sé. Entro il 22 giugno, data di inizio, i professori delle materie scelte per la seconda prova dovranno valutare e proporre tre tracce. Da queste ne verrà poi sorteggiata una che verrà per tutte le classi prese in considerazione. Se nella scuola è presente una sola classe di un determinato indirizzo, le tre proposte di tracce saranno elaborate dalla sottocommissione.

Ultima prova e commissione

Infine ci sarà anche un colloquio in cui la commissione (formata da 6 commissari interni e un presidente esterno) sceglierà un testo, un documento, un problema o un progetto che lo studente dovrà analizzare. Analizzerà poi, con una breve relazione o un lavoro multimediale. La valutazione finale sarà sempre in centesimi e sarà composta da un massimo di 50 crediti che si avranno nel percorso scolastico, 15 e 10 rispettivamente per le due prove e 25 per il colloquio. Ci sarà la possibilità di avere la lode.