Marino: Grazie per l’arresto dei pusher e sequestro taxi abusivi

1

"Ringrazio le Forze dell'Ordine per le brillanti operazioni condotte nella Capitale, che hanno portato all'arresto di sei spacciatori, cinque al Pigneto e uno a San Lorenzo, e al sequestro di 38 taxi abusivi che gravitavano a stazione Termini". Così, in una nota, il sindaco di Roma Ignazio Marino. "Ieri sera- aggiunge il sindaco- avevo raggiunto al telefono sia il prefetto Franco Gabrielli, che il questore Nicolò D'Angelo e il generale dei Carabinieri Salvatore Luongo, per esprimere loro le mie preoccupazioni circa l''inaccettabile situazione di alcune aree cittadine. È dal mio insediamento che i cittadini di quartieri come San Lorenzo, Pigneto, Esquilino e Trastevere mi manifestano le preoccupazioni e le paure per la loro incolumità. Preoccupazioni che condivido e che ho puntualmente riportato nelle sedi opportune. Ora queste richieste, grazie alle forze dell'ordine, trovano una concreta e adeguata risposta proprio grazie al prezioso lavoro di squadra che il prefetto sta coordinando sul territorio cittadino".

Il sindaco di Roma Ignazio Marino aggiunge: "Colgo dunque questa occasione per ringraziare tutti coloro che hanno condotto con successo le operazioni e che, in alcuni casi, nelle ultime settimane sono stati oggetto di attacchi da parte della criminalità in quartieri come Tor Bella Monaca e Pigneto. A loro va la solidarieta'' dei cittadini onesti e di questa amministrazione. La presenza di attività criminali, soprattutto legate allo spaccio di droga, contribuiscono al degrado di alcuni quartieri e minano profondamente la sicurezza dei cittadini". Marino conclude: "Sono dunque felice che nei miei colloqui con il prefetto Gabrielli, il questore D'Angelo e il generale Luongo abbia ritrovato la medesima determinazione a intervenire con decisione, anche attraverso un inasprimento delle misure repressive e utilizzando lo strumento dell'espulsione dall'Italia per i criminali extracomunitari. Lavorando tutti insieme con costanza e nella medesima direzione, ciascuno nel suo ruolo, possiamo senz'altro restituire dignità e sicurezza alle tante romane e romani che ci chiedono una città migliore"