17 Maggio 2021

Pubblicato il

Degrado

Legambiente mostra l’incuria e l’abbandono delle spiagge Tiberis di Roma Capitale

di Redazione

"Quanto tempo ancora bisognerà aspettare per vedere ripulite le aree dai rifiuti e dalla plastica?"

degrado spiagge tiberis legambiente
Degrado sotto Ponte Marconi, Roma

Dopo le segnalazioni arrivate dai cittadini, Legambiente mostra l’incuria e l’abbandono delle cosiddette Spiagge Tiberis e Tiberis 2, le aree estive che il Comune di Roma ha attrezzato sotto Ponte Marconi da una parte e tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini dall’altra. 

Oggi la condizione è tutt’altro che rosea: sotto Ponte Marconi non si ha avuto neanche la premura di portare via gli ultimi rifiuti che ora rischiano di essere travolti dal fiume con le prossime piene, insieme ad una maxi cisterna divelta sulla riva.

Rischio ambientale

Nelle banchine attrezzate a fine estate scorsa tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini, con pratino e sedie, invece, proprio grazie alla denuncia di diversi cittadini emerge come l’abbandonato porti a un reale rischio ambientale.

C’è infatti una maglia di 2.000 metri quadri di sottili fili di plastica che teneva insieme il pratino artificiale, ancora tutta lì e che rischia di essere trascinata verso il mare dall’acqua del Tevere. 

Legambiente: spiagge Tiberis pericolo tutto l’anno

“Operazioni come quelle della spiaggia di Ponte Marconi e dell’area attrezzata sul fiume sotto Ponte Sisto, non hanno di certo migliorato l’estate dei romani. Operazioni del genere sono discutibili, rappresentando anche un pericolo ambientale per tutto il resto dell’anno.

Enorme rete di plastica, a rischio fauna ittica

A Ponte Marconi neanche l’accortezza di portare via i rifiuti dell’area e sotto Ponte Sisto. Sembra di correre veramente il rischio che un’enorme rete di plastica possa essere trascinata via dalla corrente, con le drammatiche conseguenze sulla fauna ittica che si possono immaginare.

Vedremo quanto tempo ancora bisognerà aspettare per vedere ripulite le aree dai rifiuti, e rimossa la plastica abbandonata nel cuore della Capitale.

Se il Comune non provvederà subito lo farà la prossima piena. Si intervenga immediatamente per evitarlo” dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento