19 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma Labaro e Prima Porta: dall’alluvione nulla è cambiato

di Redazione

A Labaro cumuli di rifiuti; a Prima Porta nessun sussidio

E’ passato ormai più di un mese dall’alluvione che ha colpito Roma lo scorso gennaio ma, come abbiamo avuto modo di documentare, sono ancora molti i disagi che i cittadini sono costretti a vivere quotidianamente. 

Dopo aver elencato le strade chiuse e bloccate in varie parti della città, è la volta del quartiere Labaro. Come testimoniano le foto, “esiste una catasta di materiale di risulta portato dalla piena e ancora non propriamente smaltito. A guardarla da lontano sembra terra e fango. In realtà è un cumolo di immondizia, rami, plastica. E carcasse di animali morti” – spiega il consigliere di Roma Capitale Roberto Cantiani.

Ma c’è dell’altro. Stavolta a parlare è il consigliere regionale Adriano Palozzi, che denuncia l’immobilità delle istituzione nei confronti delle famiglie alluvionate di Prima Porta. “E’ immorale e tragico – dichiara – quello che stanno passando le tante famiglie di Prima Porta colpite a fine gennaio dalla tremenda alluvione, che ha devastato i territori nord della Capitale. Gente sfortunata che ha perso la casa e che, danno oltre alla beffa, attende da ormai due mesi sacrosanti risarcimenti. Denaro che, seppur parzialmente, avrebbe potuto già alleviare quella sofferenza materiale e psicologica, sottovalutata ancora dalle istituzioni. E invece a sessanta giorni da quella tragedia siamo ancora qui ad esortare il governo a fare presto e a calendarizzare quanto prima lo stato di calamità”.

Secondo Palozzi, è necessario che anche le istituzioni locali sollecitino e facciano “maggior pressing” nei riguardi del sindaco Marino e del governo “perché donne, uomini, bambini e anziani di Prima Porta non possono più aspettare”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento