18 Maggio 2021

Pubblicato il

La storia di Luca in tv a Le Iene

di Redazione

La reazione degli amministratori locali

E’ stata molto dura la reazione di Marco Giudici, consigliere di opposizione del XII Municipio, dopo che il programma Le Iene ha raccontato la storia di Luca, alunno dodicenne della scuola monteverdina De Andrè affetto da disabilità motorie, che non può mangiare insieme ai suoi compagni di classe a causa della presenza di barriere architettoniche, da un lato, e l’assenza di un montascale, dall’altro. Giudici, rispetto ad una storia che definisce “vergognosa”, ha chiesto, senza mezzi termini, “le dimissioni della presidente del Municipio XII Cristina Maltese e dell'assessore ai lavori pubblici Raffaele Scamardì, anche per tutelare il decoro istituzionale del Municipio XII, gravemente leso dalle loro politiche irresponsabili ”.

All’annuncio di Giudici si uniscono dichiarazioni, altrettanto accusatorie, da parte dei grillini Daniele Diaco e Silvia Crescimanno, i quali “presenteranno a breve un'interrogazione per approfondire la questione, oltre a sollevare il problema durante l'imminente sessione di bilancio prevista per la prossima settimana, durante la quale chiederemo che vengano stanziati i fondi necessari per l'installazione del montascale” – si legge in una nota. “Se all'inizio del prossimo anno scolastico la situazione sarà ancora ferma nell'immobilità – a questo punto anche M5S non esiterà – a chiedere le dimissioni della Presidente del Municipio XII”.

Chissà se le innumerevoli pressioni, provenienti da diversi ambienti del consiglio, saranno in grado di determinare la felice conclusione di una storia, quella di Luca, che va avanti da anni. Il dodicenne, tra un anno, inizierà il liceo e consequenzialmente cambierà istituto, sarebbe bello se prima di allora gli fosse data, finalmente, la possibilità di consumare un pranzo in compagnia dei suoi coetanei.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento