Pubblicato il

La Lazio fallisce ancora fuori casa

Due gol annullati ai biancocelesti. Espulso Biava per doppia ammonizione

L’Europa è un po’ più lontana per la Lazio.
È dal 22 dicembre che la Lazio non vince fuori casa, e non ce l’ha fatta nemmeno ieri contro il Parma.
L’incontro è finito sullo 0-0.

Donadoni schiera titolare Mesbah; Gobbi resta in panchina. In attacco Amauri e Belfodi; sugli esterni Biabiany e Marchionni.
Petkovic confida su Ederson alle spalle di Klose. Ritrova Konko, e in mezzo schiera Canfreva-Onazi-Hermanes.
Anche Onazi e Klose fanno parte dei primi undici biancocelesti.

Manca il piglio offensivo della Lazio, e i padroni di casa fanno subito pressione.
Già al 3’, Biabiany offre il cross ad Amauri che colpisce di testa. Ma Marchetti riesce a parare e respinge il colpo.
Poi è la volta di Candreva: all’11’ un cross miracoloso intercettato da Klose che rilancia verso Ederson, ma il tentativo fallisce.
Il primo tempo prosegue senza soprese. Klose fallisce anche al 25’, e le due squadre, poco incisive, vanno negli spogliatoi senza reti incassate.

La ripresa inizia con un’occasione per Amauri. Parma pericoloso per i biancocelesti con un cross di Biabiany, ma la palla finisce sul palo.
Non va bene nemmeno il duo Klose-Ederson: il brasiliano calcia, ma la palla finisce a lato.
Al 15’ si presenta un’altra buona opportunità per il Parma, ma Biava riesce respingere il tentativo di Parolo.
Cambiano gli schieramenti.
Fuori Ederson e Klose per la Lazio, dentro Floccari e Kozak.
Donadoni risponde con Sansone-Ninis al posto di Biabiany-Marchionni.
Al 31’ Kozak, solo davanti a Mirante, tenta il tunnel. Non si fa trovare impreparato il portiere del Parma, che respinge.
Al 34’ Candreva offre il tiro di testa a Radu, che però manda la palla troppo alta.

Il finale si accende.
Nei minuti di recupero Biava viene espulso per doppia ammonizione.
Due gol annullati alla Lazio, prima quello di Paletta, poi quello di Kozak.

Il risultato resta invariato rispetto al primo tempo.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi