Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

IX Municipio, parco dedicato a Diabolik

di Redazione
Inaugurato oggi al Torrino dal presidente del Municipio Andrea Santoro. A marzo toccherà a Tex Willer

E' stato inaugurato oggi il parco pubblico di 3 ettari dedicato a Diabolik, realizzato nell'area verde dedicata ai fumetti del Torrino-Mezzocamino. Ad inaugurarlo sono stati il presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, ed il presidente del consorzio realizzatore, Maurizio Nicastro.

L'intervento fa parte di un più vasto piano per la realizzazione di un'area fumetti all'interno del parco. Quella di Diabolik è la sesta parte all'interno dell'area. A marzo verrà terminata anche quella di Tex Willer.

Ha spiegato proprio Santoro: "Per ricordare il popolare eroe dei fumetti creato nel 1962 da Angela e Luciana Giussani, all'ingresso del parco è stata apposta una sagoma che dà il benvenuto ai visitatori".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Santoro ha poi continuato: "Nel comprensorio verde sono state realizzate aree di sosta, piazzole con panchine e, per migliorare l'aspetto del parco-campagna, sono stati piantumati più di cento alberi di pino che in breve tempo daranno ai giardini ora ricoperti di prato all'inglese, l'aspetto di una pineta urbana. Tutta l'area del parco è percorsa dalla pista ciclabile illuminata della Cristofo Colombo.

Il valore delle opere realizzate a scomputo dal consorzio del Torrino è di circa 300 mila euro. Questo dedicato a Diabolik è il sesto parco realizzato nell'area dei fumetti, che si articola nei giardini di Corto Maltese, Lupo Alberto, Valentina, Zagor e Dylan Dog.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel prossimo mese di marzo sarà aperta al pubblico anche la seconda parte del parco di Tex Willer, inaugurato in parte nel novembre scorso, che offrirà ai residenti la possibilità di accedere a due campi sportivi di beach volley e di beach tennis".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo