17 Luglio 2021

Pubblicato il

Università e formazione

Intervista al prof. Riva, consigliere CNEL nominato membro del Comitato Consultivo ANVUR

di Giulia Bertotto

La nostra intervista al professor Francesco Riva, consigliere CNEL: "Con Draghi meno assistenzialismo e più investimenti"

Francesco Riva
Prof. Francesco Riva

La nostra intervista al professor Francesco Riva, consigliere CNEL (Consiglio Nazionale Economia e Lavoro) nominato Membro del Comitato Consultivo ANVUR (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca) il cui presidente è il professor Antonio Felice Uricchio.

Prof. Francesco Riva, consigliere CNEL: la nomina ANVUR

“Sono stato proposto dal CNEL come consigliere di esso, l’ANVUR mi ha poi nominato con decreto in questo comitato consultivo. In questo momento così delicato e complesso, di auspicata ripresa, non si può pensare che le persone stiano a casa ricevendo denaro, occorre che tutti diano il proprio contributo per risollevare la situazione economica. Soprattutto i giovani, devono lanciarsi nel mondo del lavoro, ma prima di tutto occorre formarli. La funzione sociale, professionale e formativa del percorso universitario è quindi fondamentale in questo periodo. Le università devono entrare nel processo industriale ed economico.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Logo ANVUR

La classe dirigente italiana e il nuovo Governo Draghi

La classe dirigente che formiamo in Italia, a spese naturalmente dell’Italia stessa, deve trovare convenienza e gratificazione nel restare nel proprio paese. Così anche per la questione che porta i cittadini ad emigrare dal Sud al Nord Italia. La mondializzazione non va respinta, ma non si deve neppure passare al suo estremo, cioè la desertificazione culturale di alcune zone o nazioni.

Essendo Mario Draghi un uomo del mondo finanziario ma con una spiccata sensibilità politica, credo che si renda conto del fatto che le nuove classi dirigenti devono emergere dal mondo della ricerca e dell’università.

Draghi ha affermato più volte di voler interrompere il flusso di sussidi e investire invece sulle aziende, le industrie e la produttività. Il concetto è quello di non lasciare risorse a perdere, ma di impiegarle in modo costruttivo nell’imprenditoria. Credo che in Italia la classe dirigente e politica preferisca reprimere e ‘tenere in basso’ i giovani talenti e le nuove leve per restare attaccati ai posti di rilevanza e potere. Questa è una situazione amara e scandalosa ma credo sia così. Non è una competizione sana, lungimirante e aperta. Vorrei incoraggiare i nostri ragazzi: non fatevi indebolire all’assitenzialismo, contate sulle vostre forze, sulle istituzioni e la scuola, ma puntando su voi stessi.

Per quanto riguarda le nostre attività, posso anticipare che tra i progetti in fase di elaborazione c’è quello della creazione di un newtwork a livello internazionale, di comunità europea”.

Logo CNEL
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento