09 Marzo 2021

Pubblicato il

La proposta

Ilaria Capua, appello ai No Vax: “Siete risorsa scientifica, collaboriamo”

di Redazione

Ilaria Capua: proposta choc per "cavie umane" o invito alla collaborazione scientifica?

Ilaria Capua
Ilaria Capua

La virologa Ilaria Capua è intervenuta ieri sera, 26 gennaio, alla trasmissione Di martedì condotta da Giovanni Floris. La dottoressa direttrice del UF One Health Center ha parlato di vaccini e in particolare delle mutazioni del virus e della sfida vaccinale che si sta rivelando complessa e in ritardo nella fase di distribuzione.

Al momento Infatti, ciò che preoccupa maggiormente gli scienziati, nonché i governi, sono le cosiddette varianti del Sars-coV-2. La variante inglese sembra essere riconosciuta dall’organismo in seguito al vaccino Pfizer e Moderna ma non si può dire lo stesso della variante brasiliana.

Spiega la Capua: “Le mutazioni non hanno modificato l’esterno del virus, in questo momento tutte le varianti mantengono l’esteriorità che è importante riconoscere con gli anticorpi indotti del vaccino”. E sulla letalità afferma: “Non abbiamo nessuna evidenza relativa al cambiamento della letalità, c’entra solo come si muove il virus”.

Ilaria Capua ai No Vax: “partecipare a studi”

La Capua è spesso presa di mira dai No Vax, ma ci dà anche una nuova lettura del fenomeno e dice: “Vorrei fare un invito ai No Vax. Non vanno presi a parolacce e possono diventare una risorsa. Abbiamo bisogno di capire come si comporta un organismo che non rispetta misure ritenute utili della comunità scientifica. I No Vax dunque, potrebbero partecipare volontariamente ad alcuni studi e far capire se il fatto di non volersi vaccinare allunga o accorcia la vita, migliora o peggiora la qualità della vita” propone la scienziata. Cosa sta dicendo la scienziata tra le righe? Vorrebbe coinvolgere i No vax per farli sentire inclusi e rassicurati sulle pratiche vaccinali? O gli sta quasi proponendo di fare da cavie…pur rispettando la loro volontà di non vaccinarsi?


La scienziata si sofferma poi sulle difficoltà di distribuzione e trasporto del vaccino. “Non abbiamo considerato che la catena del freddo sarebbe stato il collo di bottiglia. Non abbiamo vaccini termostabili che possono essere spediti per posta e questa è una linea di ricerca che andava avviata già 50 anni fa. Ma non abbiamo capito che sarebbe stata importante per tutto il pianeta”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento