04 Agosto 2021

Pubblicato il

Il nuovo Eur

di Redazione
Santoro: “Così l’Eur sarà un’opportunità per Roma e per Expo 2015”

Ieri Andrea Santoro, presidente del Municipio IX, ha annunciato un massiccio piano d’interventi per migliorare la vivibilità dell’Eur, denominato ambiziosamente “Rivoluzione decoro in 5 mosse”.
Analizziamo dettagliatamente il nuovo piano.

Sicuramente l’intervento che si prospetta più ostico e ambizioso è la realizzazione di una nuova Ztl con un sistema moderno di parcheggi, utili, secondo Santoro, a combattere la prostituzione (problema molto sentito dai residenti del quartiere), limitare fortemente il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e migliorare la viabilità stradale in occasione dell’imminente apertura della “Nuvola”; il secondo punto del piano prevede una regolamentazione più severa e restrittiva per i mercatini, i chioschi e i gazebo; al terzo punto del programma troviamo un intervento di pedonalizzazioni per quanto riguarda la zona che circonda il Palazzo della Civiltà Italiana e, in via sperimentale, Viale Europa durante le domeniche; la quarta mossa è la creazione di una nuova card, nominata “Vivieur”, utile per scovare in rete tutte le attività alberghiere, museali e ricreative del quartiere; il nuovo piano di Santoro, per concludere, prevede un nuovo e rivoluzionario impianto d’illuminazione pubblica: quest’ultimo, in modo quasi pioneristico, dovrebbe, attraverso diverse gradazioni cromatiche, colorare maggiormente l’Eur, rendendolo unico e facilmente riconoscibile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Indubbiamente il nuovo piano elaborato dal Presidente PD e dalla sua giunta è accattivante e coraggioso. Santoro si spinge a dichiarare, nel comunicato di ieri, di volere trasformare l’Eur nell’ “hub capitolino per l’Expo 2015 di Milano”.

Una perplessità può riguardare la tempistica: sembrerebbe, a prima vista, una scommessa davvero azzardata pensare di poter realizzare interamente un piano così ingente e impegnativo entro la fine del 2015. Il presidente del Municipio IX, inoltre, nel suo breve comunicato non parla dei costi previsti per i nuovi interventi: sembra ovvio, almeno dalle mosse prospettate, che gli investimenti non potranno certo essere esigui; nei prossimi mesi Santoro dovrà specificare minuziosamente quanti saranno i fondi stanziati, da chi saranno erogati e da dove saranno prelevati. Bisognerà aspettare pazientemente il 2015 per sapere se il “nuovo Eur” sarà davvero nato.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo