Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Maggio 2022

Pubblicato il

Guerra, il cardinale Czerny: “Trafficanti a caccia di ucraine da far prostituire”

di Lorenzo Villanetti
"A inizio settimana c'è stato un tentativo di attirare donne ucraine su due autobus che le avrebbero portate da Medyka alla Danimarca"
Profughi Ucraina
Profughi Ucraina

Come riportato da Tgcom24.mediaset.it, il cardinale Michael Czerny, prefetto ad interim del dicastero vaticano per lo Sviluppo umano integrale, è intervenuto sul tema dei profughi di guerra dall’Ucraina. Il porporato, in Ucraina su missione del Papa, ha messo in luce il rischio che corrono le donne ucraine, che i “trafficanti di esseri umani” tentano di rapire per destinarle alla prostituzione.

Czerny: “Trafficanti a caccia di donne ucraine da far prostituire”

“Ho ricevuto informazioni che i trafficanti stavano tentando di rapire profughi ucraini in Polonia e di portare le donne ucraine nelle reti di prostituzione in Germania, Paesi Bassi e Danimarca“, ha affermato Czerny. “All’inizio di questa settimana c’è stato un tentativo di attirare donne ucraine su due autobus che le avrebbero portate da Medyka, al confine polacco con l’Ucraina, alla Danimarca, ma che alcune connazionali che già vivevano in Polonia sono riuscite a bloccare quel tentativo. I trafficanti sono quindi rapidamente scomparsi”.

“I rifugiati cercano di mettersi al sicuro ma finiscono in una trappola”

“Questi tentativi sono facilitati dal fatto che molti ucraini che erano abituati al vecchio sistema sovietico hanno un’innata sfiducia nei confronti di tutto ciò che è pubblico, di qualsiasi iniziativa statale, e così non salgono sugli autobus organizzati del governo. E questo ovviamente fa il gioco dei trafficanti. Passa qualcuno che dice: ‘Se non vuoi salire sull’autobus, non c’è problema, ti do io un passaggio’. E così i rifugiati che cercano di mettersi al sicuro finiscono in modo perverso in una trappola“.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo