06 Maggio 2021

Pubblicato il

Guasto a Rocca Cencia, disagi nello smaltimento dei rifiuti

di Redazione

Nel frattempo viene scoperta una discarica abusiva a Santa Palomba

GUASTO A ROCCA CENCIA – File  di camion davanti all'impianto di Rocca Cencia e difficoltà a conferire i rifiuti in discarica: succede nella giornata di oggi, a causa di un guasto momentaneo ad un impianto di Rocca Cencia, già in difficoltà a causa dell'inattività dell'impianto multimateriale. A comunicare del guasto, è l'Ama, che però assicura: “I quattro impianti di Trattamento Meccanico Biologico (TMB) di Rocca Cencia, via Salaria (Ama) e Malagrotta 1 e 2 (Co.La.Ri) funzionano regolarmente”.

“Le temporanee difficoltà nella raccolta dei rifiuti – precisa l'azienda – derivano dai rallentamenti momentanei e dalle manutenzioni periodiche che gli impianti sono obbligati ad affrontare. La situazione, comunque, resta sotto controllo ed è quindi assolutamente fuori luogo parlare di emergenza”.

E anche se di emergenza non si può parlare, restano però delle criticità – continua Ama – “dovute ad un sistema impiantistico rigido e fragile, e attualmente stressato dalla maggiore produzione stagionale di rifiuti, rispetto al quale Ama ha sollecitato Co.La.Ri. e tutti i fornitori di servizi a utilizzare migliori tecniche in modo da implementare i margini di assoluta sicurezza di funzionamento delle strutture”.
 

DISCARICHE ABUSIVE – Mentre a Rocca Cencia si registrano criticità dovute al guasto momentaneo, una discarica abusiva è stata rinvenuta nel corso di un’indagine nell’area di Santa Palomba, sulla via Ardeatina, nell’ambito della quale 8 persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri con l’accusa di aver violato la legge in merito ai reati ambientali.

L'intervento degli investigatori del commissariato di Albano, ha permesso di sorprendere sul fatto il gestore e gli operai della discarica abusiva, mentre riversavano sul terreno dei materiali di scarto, terra e calcinacci, tra cui anche, asfalti, guaine, plastiche, pneumatici, oli e altro materiale pericoloso.

L'intera proprietà è stata sottoposta a sequestro penale, cosi come decine di mezzi meccanici lì presenti. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento