Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Agosto 2022

Pubblicato il

Giappone, riconosciuto il primo risarcimento per morte a causa del vaccino anti-Covid

di Redazione
Il Ministero della Salute ha riconosciuto la morte della donna a causa di un infarto, sono 16 le domande di risarcimento analoghe
Vaccino Covid

Tokyo, 27 luglio, il Giappone risarcirà la famiglia di una donna la cui morte è sopraggiunta a causa di una reazione al vaccino anti-Covid. – Il comitato del ministero della Salute giapponese appositamente incaricato ha stabilito, per la prima volta, l’ammissibilità della richiesta di risarcimento danni per morte correlata alla somministrazione del vaccino contro il Covid-19 alla famiglia di una donna di 91 anni di età, deceduta a causa di un infarto ritenuto una risposta allergica alla vaccinazione.

Secondo quanto confermato in una nota dal panel di esperti, “nel caso specifico non è possibile negare una relazione causale tra i successivi problemi di salute e il vaccino, e per determinare l’ammissibilità al risarcimento danni non è necessaria una relazione causale scientificamente rigorosa”.

Giappone, morte a causa del vaccino: altre 16 domande di risarcimento

Sono ancora al vaglio della commissione 16 domande di risarcimento analoghe, per morti o danni gravi riconducibili ai vaccini in persone di età compresa tra 20 e 90 anni. Ad oggi, le richieste totali di risarcimento per danni di vario genere sono state 3.680, di cui 850 ritenute “ammissibili”. Secondo la legge giapponese sulle vaccinazioni, i vaccini contro il Covid-19 sono considerati “sperimentali” e questo consente, ai familiari di coloro di cui la morte sia ritenuta causalmente collegabile, un risarcimento forfettario di 44,2 milioni di yen (circa 320.000 euro) e un contributo di 212.000 yen (1.500 euro) per le spese funebri .

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo