24 Giugno 2021

Pubblicato il

Gastone, parla la Digos: “Non andava più allo stadio”

di Redazione

D.D.S., l'ultrà della Roma fermato per il ferimento dei tifosi napoletani, coinvolto in una vicenda giudiziaria nel 1996

A quasi 24 ore di distanza, il pre-partita della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina continua a far parlare di sé.

Mentre si apprende che il proiettile è stato rimosso dalla spina dorsale di Ciro Esposito, il 30enne napoletano ferito da un colpo di pistola, la figura di De Santis – soprannominato ‘Gastone’, l’ultrà della Roma arrestato perché, secondo gli inquirenti, coinvolto negli scontri con i tifosi partenopei – si arricchisce di particolari.

De Santis sarebbe già stato coinvolto in una vicenda giudiziaria nel 1996 assieme ad altri esponenti del tifo romanista per una vicenda legata a presunti ricatti nei confronti dell’allora presidente della Roma, Franco Sensi, per ottenere pacchetti di biglietti gratuiti.

Anche la Digos si è pronunciata su De Santis e in una conferenza stampa in Questura, ha dichiarato che da qualche anno, l’ultrà della Roma “non andava più a vedere le partite allo stadio. In passato era stato sottoposto al Daspo ed aveva precedenti per reati da stadio”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento