22 Giugno 2021

Pubblicato il

Falso allarme bomba su un volo Ginevra-Beirut

di Redazione

I jet che hanno scortato l'aereo a Fiumicino hanno provocato due onde d'urto perché hanno superato il muro del suono

Un aereo di linea partito da Ginevra e diretto a Beirut è stato affiancato dai caccia dell’Aeronautica militare italiana e scortato fino all’aeroporto di Fiumicino dove è stato fatto atterrare. L’aereo è stato  isolato da un cordone di sicurezza e tutti i voli da e per lo scalo romano Leonardo da Vinci  sono stati sospesi. Subito attivati tutti i protocolli antiterrorismo ma fortunatamente gli artificieri non hanno trovato alcun ordigno a bordo e quindi si è trattato di un falso allarme.

I vigili del fuoco hanno ricevuto centinaia di telefonate da tutto il Lazio perché i caccia – nel correre verso l’aereo sospetto – hanno rotto il muro del suono e il boato si è avvertito in almeno tre Province.

Gli artificieri non hanno trovato alcun ordigno a bordo e quindi si è trattato di un falso allarme. Evacuati i passeggeri.

L’allerta era scattata in tarda mattinata quando dalla Svizzera era giunta notizia di una segnalazione che sosteneva ci fosse un ordigno a bordo di un volo della Middle East Airlines, la compagnia di bandiera libanese. Sarebbe stato lo stesso comandante a dare l’allarme perché gli assistenti di volo avevano trovato un bagaglio che non apparteneva ai passeggeri.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento