Pubblicato il

Ecco il programma del Siria day

La giornata di preghiera e di digiuno per la pace di sabato in S. Pietro

CITTA' DEL VATICANO – Ecco lo schema del Siria Day, la preghiera per la pace che si terrà sabato prossimo in piazza San Pietro. Tutto inizierà alle 18.30, quando in piazza verrà letto il testo dell’Angelus con cui domenica scorsa il Papa ha convocato la Giornata di preghiera e digiuno per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero. Alle 19 in punto inizierà la veglia vera e propria: La prima parte sarà di carattere mariano, con l’intronizzazione della “Salus Populi Romani” con partenza dall’obelisco. Subito dopo è prevista la recita del rosario, guidata al Papa: all’inizio di ogni mistero, dopo la lettura biblica si leggerà a commento il testo di una poesia di santa Teresina di Gesù Bambino, e alla fine si ripeterà l’invocazione “Regina della Pace, prega per noi”. Questa prima parte si concluderà con la meditazione del Papa, intorno alle 20-20.30.

Dopo le parole di Francesco, prenderà il via la seconda parte della veglia, di carattere più eucaristico. L’adorazione eucaristica sarà scandita in cinque tempi, ognuno dei quali precede una lettura biblica sul tema della pace, la preghiera di un pontefice sul tema della pace, invocazioni in forma responsoriale per chiedere la pace, il canto, l’offerta dell’incenso, il silenzio per l’adorazione personale. Al termine di ognuno dei cinque tempi dell’adorazione guidata, cinque coppie di persone, in rappresentanza di Siria, Egitto, Terra Santa, Usa, Russia, faranno l’offerta dell’incenso, nel braciere collocato alla destra dell’altare.

Seguiranno tre minuti di silenzio, e poi avrà inizio l’Ufficio delle Letture, «nella forma più lunga prevista per una celebrazione vigilare», infine alle 22.40 la benedizione eucaristica del Papa. Nel pomeriggio di sabato, a partire dalle 17.45, i fedeli che vorranno troveranno a disposizione 50 confessori all’interno del braccio di Costantino e sotto i colonnati a destra e a sinistra di piazza S. Pietro.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi