È morto Franco Battiato, addio al Maestro della musica e dello spettacolo

8

Un grande Maestro oggi ci lascia. Franco Battiato è scomparso stamattina all’età di 76 anni. Eclettico e poliedrico cantautore, compositore, musicista, regista e pittore. Si è spento questa mattina nella sua residenza, era malato da tempo. I funerali verranno celebrati in forma privata. Siciliano, nasceva in provincia di Catania nel 1945. Testi raffinati di un filosofo moderno capace di accordare le sue corde classiche a futuriste sinfonie elettroniche. Suo compagno di viaggio per anni fu il filosofo Manlio Sgalambro, uomo riservatissimo dal comportamento quasi monacale, che però seguì incredibilmente Franco Battiato in tutti i suoi tour per anni. Prima di lui una lunga collaborazione con il maestro Giusto Pio.

Battiato è uno dei pochi veri innovatori nella canzone italiana. Musica Leggera se vogliamo a forza dividere la musica in comparti. Ma il suo tocco non è mai stato superficiale. Musica e parole sempre preziose. Opere che hanno evocato sogni e mondi lontani e sempre e comunque sono state emozioni forti. Tra le canzoni più amate, “La Cura”.

La scrittrice messinese Nadia Terranova ha appena scritto di lui:

“Franco Battiato non era solo un cantante. Era il dio greco del vulcano, il volto arabo della muntagna, il derviscio che danza due metri sopra le colate laviche. Sta all’Etna come Colapesce allo Stretto, e lì resterà sempre”.

Il mondo della musica e dell’arte è in lutto.