Dopo 7 giornate la Lazio è quarta, l’Europa non è cosi lontana

1

Il campionato si prende un’altra pausa per dar spazio alle Nazionali che competono per un pass ai Mondiali Russia 2018. La sosta, dunque, consente alle società di riprendere fiato e riflettere sul proprio cammino in campionato dopo sette giornate. Ovviamente, sette turni non possono essere sufficienti a capire con certezza quello che potrebbe essere il piazzamento finale delle squadre, ma qualcosa è emerso. Questo vale anche per la Lazio che attualmente occupa il quarto posto in classifica con 16 punti all’attivo, frutto di 5 vittorie, un pareggio e una sconfitta.

Il ruolino di marcia dei biancocelesti è buono, solo Inter, Juventus e Napoli hanno fatto meglio, da considerare anche la Roma a quota 15, ma con una partita in meno. L’obiettivo della società è quello di piazzarsi in zona Europa, possibilmente cercando di qualificarsi per quella che conta di più, la Champions League, anche se per farlo bisogna terminare il campionato tra le prime tre in classifica. I propositi per farlo ci sono da parte della squadra allenata da Simone Inzaghi che ha avuto per adesso solo due battute d’arresto: con la Spal all’esordio, pareggiando 0-0 in casa, e la brutta sconfitta interna contro il Napoli per 1-4. La Lazio di quest’anno, inoltre, ha sicuramente avuto un avvio migliore di quello della scorsa stagione, dove ha chiuso la classifica al 5° posto, entrando in Europa League. Dopo sette partite, difatti, la squadra di Inzaghi occupa un gradino più alto in classifica con 3 punti in più rispetto all’anno scorso e 4 rispetto alla stagione 2014-2015, dove la Lazio terminò la stagione al terzo posto. Alla ripresa del campionato per le Aquile ci sarà uno scontro decisivo, anche se alla fine della Serie A rimangono molte giornate. I biancocelesti, infatti, voleranno a Torino per affrontare all’Allianz Arena la Juventus di Allegri, attualmente al secondo posto. Inoltre, dopo la gara contro i bianconeri, in Europa League la Lazio dovrà affrontare la squadra più pericolosa del girone con cui condivide il primo posto: il Nizza, sia nella terza che nella quarta giornata. Una ripresa che, dunque, si preannuncia faticosa e decisiva per gli uomini di Inzaghi che dovranno lottare per difendere il posto in classifica sia in campionato sia in Europa League.

Per la Lazio sarà importante preparare queste tre sfide e mister Inzaghi ha ricevuto buone notizie dall’infermeria. Il tecnico emiliano, difatti, potrà contare, ovviamente dopo il rientro dalle Nazionali, su quasi tutto l’organico. Fuori rimarranno Bastos e Basta mentre Felipe Anderson e Lukaku, che ha accusato un problema muscolare durante gli allenamenti con la Nazionale belga, potrebbero rientrare già per la gara a Torino contro la Juventus. L’unica brutta notizia arriva dal giudice sportivo che nei giorni scorsi ha squalificato la curva dei tifosi laziali per due giornate per i cori razzisti durante Lazio-Sassuolo. I sostenitori biancocelesti rimarranno fuori dallo stadio per le sfide contro il Cagliari del 22 ottobre e contro l’Udinese del 5 novembre. La Lazio, dunque, può migliorare, non solo il proprio rendimento rispetto alle scorse stagioni, ma puntare ancora più in alto in classifica dove il secondo posto, occupato a pari merito da Juventus e Inter, dista solo tre lunghezze.