09 Maggio 2021

Pubblicato il

Don Bosco, commerciante trovato morto nel suo negozio di abbigliamento per bimbi

di Redazione

A dare l'allarme sono stati alcuni dipendenti che al loro arrivo hanno trovato un cartello affisso sulla porta del locale in cui l'uomo avvisava di farla finita

Choc al Don Bosco dove è stato trovato morto nel suo esercizio commerciale il proprietario di Scricciolo, negozio di abbigliamento per bambini. La tragica scoperta nel pomeriggio di giovedì 3 ottobre all'interno del locale commerciale di via Calpurnio Fiamma 51 a Roma. 

Secondo quanto si apprende Massimiliano, molto conosciuto in zona, è stato trovato privo di vita nel sottoscala del retrobottega del suo negozio. Intervenuto sul posto intorno alle 16:00, il personale del 118 non ha potuto far altro che constatare il decesso del commerciante.

Allertata la polizia, in via Calpurnio Fiamma sono arrivati gli agenti del Commissariato Tuscolano e il medico legale che non ha trovato segni di violenza sul corpo del negoziante, indicando l'orario della morte a qualche ora prima della scoperta. Fra le ipotesi degli investigatori quella del gesto volontario.

Alla vista dell'ambulanza e della polizia davanti a Scricciolo, si sono radunati decine di residenti e curiosi. Appresa la notizia della morte di Massimiliano, centinaia sono stati i messaggi di cordoglio a ricordare la gentilezza e il sorriso dello storico commerciante del popoloso quartiere del Tuscolano

Aggiornamento: il proprietario 47enne si è impiccato nel sottoscala del suo negozio di abbigliamento per bambini in via Calpurnio Fiamma, nella zona del Tuscolano. A dare l'allarme sono stati alcuni dipendenti che al loro arrivo hanno trovato un cartello affisso sulla porta del locale in cui l'uomo avvisava dell'intenzione di farla finita. Secondo i primi accertamenti, il 47enne al momento del ritrovamento, ieri pomeriggio, era già morto da circa due ore. 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento