21 Giugno 2021

Pubblicato il

Coronavirus, l’analisi:”La scelta tra recessione economica e catastrofe sociale”

di Redazione

Il direttore di "Affaritaliani Palazzi & Potere" sul coronavirus

Abbiamo raccolto le parole di Marco Antonellis, direttore di "Affaritaliani Palazzi & potere" a proposito delle misure straordinarie prese dal Governo, da ieri, 3 marzo, e culminate oggi nella decisione di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado. 

“Se questa contro il virus è una guerra e dobbiamo scendere in campo, ebbene sì le scuole vanno chiuse. O chiudiamo tutto o teniamo aperto tutto, rimanere in mezzo al guado rischia di essere una trappola che genera confusione e non riduce i rischi di contagio. Le guerre si possono vincere, ma si possono anche perdere, visto che siamo costretti a questa guerra occorre batterci con coerenza. Siamo tra due fuochi ma dobbiamo scegliere: e tra recessione economica e catastrofe socio-sanitaria, preferisco la prima. Occorre a mio avviso bloccare l'Italia, mantenendo attivi solo i servizi essenziali e garantendo gli stipendi ai lavoratori delle aziende.

Bisogna prima sconfiggere il virus e poi rilanciare l'economia. Fare le due cose contemporaneamente può essere gravemente controproducente. Investire denaro nell'economia, ora che il virus non è stato debellato, significa paradossalmente favorirne la diffusione. Le misure anti recessione, le politiche espansive che fanno circolare mezzi e persone sono invece ora da evitare per non incrementare la diffusione del virus; sarebbe esattamente ciò che 'vuole' il virus. Secondo me, il Governo, deve sostenere aziende e lavoratori, assicurando la tenuta sociale, e solo successivamente intervenire negli incentivi economici. Inoltre, in questo momento, un consiglio che mi permetto di dare è acquistare tutto ciò che è possibile possiamo comprarlo online”.

Leggi anche: 

Coronavirus, misure straordinarie: da domani scuole chiuse in tutta Italia

Coronavirus, le nuove norme per tutti gli italiani, chiamati alla responsabilità

 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento