Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Coppa Italia: Roma Empoli termina 2-1, giallorossi ai quarti

di Redazione
1-1 dopo 90 minuti, nei supplementari un rigore (inesistente) regala la vittoria alla Roma

Garcia aveva dichiarato di non voler sottovalutare l’impegno della Coppa Italia, e infatti schiera la squadra titolare con l’eccezione di Skorupski e Cole, titolare dopo diversi mesi. Sarri invece applica un ampio turnover e rinuncia ai suoi uomini migliori in favore delle riserve.

Parte forte la Roma, che trova il vantaggio dopo cinque minuti. Maicon crossa dalla destra, Barba anticipa Destro e prova ad allontanare di testa, ma il pallone viene raccolto al centro dell’area da Iturbe che batte il portiere con un diagonale di destro. L’argentino non segnava da più di tre mesi. La reazione dei toscani arriva al 10’ quando Saponara lancia in area Tavano, l’attaccante calcia fuori di poco. Al 24’ entra Holebas al posto di Cole, sanguinante al volto per uno scontro con Vecino. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

I giallorossi ci riprovano alla mezz’ora con Nainggolan: il centrocampista tira dal limite ma viene murato da Barba, sulla respinta il pallone ritorna al belga che tira al volo, ma il pallone esce fuori. La Roma continua ad attaccare, ma la difesa toscana è bravissima a salire al momento giusto mandando ripetutamente in fuorigioco gli attaccanti giallorossi. Termina il primo tempo e la ripresa ha inizio senza cambi.

Al 47’ Destro ha l’opportunità del 2-0, ma tira incredibilmente alto davanti al portiere in seguito a un errore di Bianchetti. Il numero 22 giallorosso avrebbe l’occasione di rifarsi quando viene servito da Maicon con un preciso lancio di esterno, ma il suo tiro dal limite è deviato in angolo da Bassi. Al 57’ Sarri fa uscire il neoacquisto Saponara per Zielinski che si rende subito pericoloso: stop e tiro dal limite dell’area, il pallone esce di poco sopra la traversa.

Arrivano i cambi anche per la Roma, Garcia fa uscire Totti e Pjanic per Ljaijc e Paredes. Nell’Empoli fuori Maccarone e dentro Verdi. La mossa si rivela azzeccata. All’80’ il neo-entrato Verdi viene servito con un gran lancio da Vecino, elude la marcatura di Astori, supera Skorupski in uscita e segna a porta vuota.

Nei 3’ di recupero la Roma ha l’occasione  di riportarsi in vantaggio con Iturbe: l’argentino scambia in area con Maicon e va al tiro da distanza ravvicinata ma Bassi para, sulla respinta ancora Iturbe e il portiere azzurro si supera parando anche il tap-in. I 90 minuti terminano così in parità e si va ai tempi supplementari.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I primi 15 minuti terminano ancora in parità nonostante i diversi tentativi della Roma, sia su azione che sui calci piazzati. La partita si sblocca solamente al 113’:  Zielinski entra in scivolata su Paredes e colpisce prima il pallone, poi le gambe del numero 32 giallorosso, ma il suo intervento è regolare. Di Bello però fischia il rigore tra le proteste dei toscani. Sul dischetto va De Rossi che spiazza Bassi e realizza il gol del 2 a 1. L’ultimo brivido della partita arriva al 120’, con Tavano che avrebbe l’opportunità di pareggiare, ma il suo tiro è parato da Skorupski.

Ancora una prestazione opaca dei giallorossi, che sono riusciti ad avere la meglio solo ai supplementari e grazie ad un rigore quantomeno dubbio. Con questa sono tre le gare consecutive in cui gli uomini di Garcia non riescono ad andare oltre il pareggio nei 90 minuti.

Nelle coppe conta la qualificazione, certo, ma la Roma avrebbe potuto fare di più, considerando anche il fatto che l’Empoli ha mandato in campo le riserve mentre Garcia si è affidato ai titolari. Nei quarti di finale la Roma incontrerà la vincente di Fiorentina-Atalanta. I Toscani escono invece dalla competizione, ma la loro prestazione contro una squadra decisamente più forte può essere motivo di orgoglio e può rafforzare la convinzione che la salvezza è un traguardo raggiungibile.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo