20 Settembre 2021

Pubblicato il

CGIL a San Giovanni, parla la Camusso: “Presto ancora scioperi”

di Redazione
Sul palco anche le storie di tanti lavoratori in difficoltà

Dopo i coristi del Teatro dell’Opera di Roma, sul palco di San Giovanni a conclusione del corteo contro il Jobs Act del governo Renzi è arrivata Susanna Camusso, leader della CGIL. Dopo aver annunciato di voler andare avanti con le mobilitazioni – “Andremo avanti anche con lo sciopero generale” – la Camusso si è rivolta direttamente a Matteo Renzi per condannare i suoi toni poco “rispettosi della piazza”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Non si può pensare che l’art. 18 sia un totem ideologico” – ha poi dichiarato, schierandosi dalla parte dello Statuto dei Lavoratori che – “difende la libertà dei lavoratori. Sono tutele concrete non ideologie”. E poi incalza, ancora una volta rivolgendosi al Governo: “Le tutele vanno estese”. E infine una battuta: “Renzi non è stato contento dell’incontro e ha richiuso la sala verde. Lunedì ci dà appuntamento al Ministero del Lavoro. Vogliamo dirgli: stai sereno, non abbiamo rimpianti”.

Secondo la Camusso, inoltre, “la contrattazione non è un fine ma un mezzo e ha senso se si condividono gli obiettivi del Paese. Noi vogliamo confronto e soluzioni”.

E poi la promessa: “Ci rivedremo nelle piazze e negli scioperi che faremo presto. Noi che non abbiamo paura della memoria, diciamo ‘al lavoro e alla lotta’ ”. Perché, secondo la Camusso, “nessuno, neanche questo governo, potrà cancellare la voce del lavoro”. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo