18 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma Casal Bertone, a scuola più di 10 furti in un anno

di Redazione

13 in tutto. La testimonianza di due genitori esasperati dai continui furti nella scuola di via Giuseppe Galliano

Siamo a Roma, in via Giuseppe Galliano, zona Casal Bertone, all’Istituto Comprensivo G. Di Liegro, sede Giovanni Randaccio. Siamo stati allertati da una chiamata di due genitori, che questa mattina hanno dovuto fare i conti con una realtà che ormai, ahinoi, conoscono molto bene: quella dei furti nella scuola dei loro figli. Non episodi sporadici, ma quasi la quotidianità. Da inizio 2014, ci raccontano A. e M., siamo a quota 13; 5 da inizio settembre; 2 questa settimana.

“Siamo esasperati, noi genitori non ce la facciamo più” – spiega M. a Romait. “Dopo gli ultimi furti, mi ero rivolta alla dirigenza scolastica, che mi aveva rassicurata. E nel frattempo se ne sono verificati altri 2”. Dalla scuola, però, sembra esserci “un rimpallo di competenze” – continuano a spiegarci. “Da una parte la scuola scarica la colpa sulla ditta che ha l’appalto della mensa, e la ditta che scarica sulla scuola”. Perché i furti messi a segno, e i tentativi di furti, si concentrano tutti nell’area della mensa, unica sia per la scuola materna, e quindi comunale, sia per quella elementare, e quindi statale. Generi alimentari: ecco il bottino. Talvolta, anche strumentazioni, come affettatrici o grattugie – ci spiegano – ma sempre legate all’area del cibo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il dato, comunque, resta uno: “Manca un sistema di allarme che sia funzionale e che funga da deterrente”. Perché, ci spiegano, i cancelli e le porte potrebbero essere scardinate anche da un bambino, per quanto risultano poco sicure. E le conseguenze, come è ovvio, si ripercuotono sulla sicurezza dei bambini, ma anche sulle condizioni igieniche. “Non sappiamo chi entra, potrebbe entrare chiunque”. In uno degli ultimi episodi, è stato ritrovato un cane randagio a mangiare un pezzo di carne sotto vuoto, caduto dopo uno dei tentativi di furto messi a segno.

“Come genitore ho minacciato anche un esposto alla Procura della Repubblica” – continua M. – “Voglio che sia verificata la situazione della scuola e che siano accertate anche eventuali responsabilità omissive”. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento